Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo. finte addette del gas provano a truffare anziani a Civita Castellana

Alfredo Parroccini
  • a
  • a
  • a

Dopo i finti operai che suonano alle porte delle abitazioni del paese, entrano in casa se malauguratamente accolti e derubano la gente con grande abilità e destrezza, soprattutto gli anziani, adesso è la volta dei falsi venditori di gas e di luce a preoccupare la cittadinanza.  Segnalazioni della presenza di questi ladri, veri e propri professionisti del crimine, arrivano da diverse zone della città, dal centro storico fino ai quartieri più nuovi e recenti. In base alle testimonianze, postate anche sui social, in paese si aggirano due ragazze che si spacciano per dipendenti di Eni gas e luce, suonano ai citofoni e spiegano, a chi risponde, che sono venuti a verificare le utenze domestiche.

 


 

“Durante il pomeriggio - spiega una casalinga -, mi hanno suonato due ragazze che, con grande insistenza, volevano convincermi a farle entrare in casa perché avevano delle offerte molto convenienti sui consumi di gas ed energia elettrica. Non ispirandomi alcuna fiducia e, sapendo che l’Eni non invia il proprio personale commerciale a domicilio, ho detto loro di andare via, altrimenti avrei chiamato i carabinieri”. 
“Con sfacciataggine - prosegue la donna -, mi ha risposto che la sottoscritta ci avrebbe rimesso perché loro stavano lavorando! Comunque alla fine dell’accesa discussione, vedendo la mia risolutezza e che non cadevo nella loro trappola come purtroppo è successo ad altre persone, si sono allontanate e dileguate. Queste ragazze si devono soltanto vergognare ad ingannare la gente, in particolar modo gli anziani, che sono in buona fede e certamente più indifesi di fronte ai truffatori”. 

 

 

Sui social si trovano altre testimonianze. “Anche mia moglie - commenta un cittadino -, ha risposto a questi soggetti, che hanno suonato alla nostra porta, che a domicilio l’Eni non manda nessuno. Le ragazze hanno detto che venivano per offerte vantaggiose. Purtroppo trovano persone che ci cascano e, ahimè, soprattutto anziani. Vergogna!”. 
Di fronte a questo fenomeno delinquenziale i cittadini chiedono al Comune di Civita Castellana e alle forze dell’ordine maggiori controlli sul territorio urbano comunale. In questi casi però è fondamentale e prezioso anche il corretto comportamento degli utenti che vengono avvicinati dai truffatori. Devono immediatamente avvertire i carabinieri o la polizia per identificare queste persone pericolose e ingannatrici, contribuendo in maniera fattiva a far cessare i ladrocini e i furti.