Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, cadono massi. Chiusa strada Fontana Nova a Tarquinia

Fabrizio Ercolani
  • a
  • a
  • a

Cadono massi dal costone roccioso: interdetta al traffico veicolare e pedonale strada di Fontana Nova fino alla fine dei lavori di consolidamento della rupe. L’area è tra le più suggestive, ambita da visitatori e turisti: una zona che si affaccia sotto la rupe sulla quale sorge Tarquinia. In un sopralluogo di funzionari comunali e polizia locale, in località Ortaccio, si è potuto constatare “il distaccamento di alcuni massi dal costone roccioso, avente una altezza di circa sei metri e lungo circa cinquanta metri”. Inoltre “nel tratto poco dopo l’abbeveratoio, un grosso masso di circa un metro cubo interessava la strada comunale in oggetto finendo la corsa su una stradina sottostante” e “la presenza di altri elementi lapidei distaccati dalla parete nonché la presenza di essenze arbustive ed arboree, rappresentano il rischio di ulteriori distacchi” ha indotto il sindaco ad emettere un’ordinanza di interdizione al traffico veicolare e pedonale ad eccezione dei residenti e dei proprietari dei terreni. Un’ordinanza, la numero 32, irreperibile sia sull’albo pretorio sia sul portale trasparenza, motivo per cui fino ad oggi la notizia non è stata diffusa. A confermare la situazione di pericolo anche la nota emessa dei vigili del fuoco di Viterbo.

 

Il settore Lavori pubblici ha già in programma l’esecuzione dei lavori di consolidamento della parete rocciosa, finanziata l’8 novembre per 2 milioni e 500 mila euro, per la quale è in redazione il progetto esecutivo. Nell’area insistono il Parco Felice De Sanctis, teatro della manifestazione “Tra i rami dell’arte”, ma anche l’ex mattatoio, sede degli eventi culturali organizzati dalla Lestra ma anche al centro di una querelle a suon di carte bollate tra la stessa associazione ed il Comune.

 

Non solo, nell’area c’è anche un importante pezzo di storia, la Fontana Nova. Dalla città, attraverso Porta Falsa o del Fiore, per un camminamento lungo un costone roccioso – via coperta – si raggiungeva la fontana, principale fonte di approvvigionamento idrico della città. Alla fine del XIV secolo fu sottoposta a ristrutturazione, con la costruzione di un lavatoio e di una vasca da utilizzare per tenere a bagno gli ortaggi; pertanto venne ribattezzata Fontana Nova.