Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, mascherine Ffp2 irregolari. La finanza sequestra 10 mila dispositivi a Civita Castellana

  • a
  • a
  • a

Venivano vendute come mascherine Ffp2 con tanto di marchio e certificazioni. Ma erano fuorilegge. La Guardia di Finanza ha sequestrato 10 mila mascherine nel comprensorio di Civita Castellana dopo una serie di controlli finalizzati a verificare la regolarità dei prodotti che vengono messi in vendita ormai ovunque: empori, supermercati, tabaccherie, edicole e via dicendo.
Al termine del servizio di controllo i militari della Compagnia civitonica hanno riscontrato la presunta irregolarità di diverse partite di dispositivi messi in vendita a prezzi concorrenziali.

 

 

Le mascherine “incriminate” erano prive delle indicazioni minime di sicurezza previste dalla normativa vigente in materia di sicurezza dei prodotti. In particolare, i militari, durante lo svolgimento di alcuni di questi controlli, hanno rinvenuto, esposte per la vendita in diversi negozi numerose mascherine che, nonostante dovessero rispettare standard qualitativi e di sicurezza, certificati da controlli eseguiti da organismi certificatori indipendenti, non sono risultate essere a norma.

 

 

L’attività ha portato, oltre al sequestro delle mascherine, anche alla denuncia e camera di commercio di 12 rappresentanti legali delle società controllate ed alla contestazione di sanzioni per oltre 15.000 euro. La Guardia di Finanza ha comunicato, inoltre, che i sequestri hanno riguardato un cospicuo numero di mascherine Ffp2 destinate all’utilizzo specifico per i bambini e vendute come conformi alle normative, ma che in realtà non possedevano alcuna autorizzazione per essere commercializzate come tali.