Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, Terra dei Consoli a Monterosi. Protestano i residenti: "Disagi a non finire"

Daniela Venanzi
  • a
  • a
  • a

Terra dei consoli, era un progetto di vita, in cui l’ambiente puro, rilassante e sicuro, invitava a fuggire dal caos della metropoli romana, per entrare in comode e confortevoli villette disseminate in una zona verde di Monterosi. In molti ci hanno creduto investendo risparmi e accendendo mutui. A distanza di tempo però, tanti i motivi di lamentele e un elenco lungo di disagi, così pesante, da spingere i residenti di questa area urbana a scrivere addirittura un blog in cui confrontarsi e rendere pubblico lo stato della realtà. “I servizi sono inesistenti - scrivono - e comunque demandati alla buona volontà degli abitanti. Il presidio delle ville è stato talmente protetto e accresciuto che i primi acquirenti hanno pagato le ville, la parcella dell’agenzia immobiliare e il notaio, scelto e obbligato dal costruttore, circa mezzo milione di euro. Alcuni stanchi di questo meraviglioso sogno, hanno venduto a meno della metà del prezzo di acquisto, altri non riescono neanche a rivendere, lo stesso costruttore vende pochissimo a prezzi molto più bassi”. 

 

 

Nel blog scorrono impietose le foto postate dagli abitanti stessi che evidenziano muri scrostati, problemi di umidità e descrivono ancora una condizione che di sogno non ha nemmeno l’odore: “I muri dell’innovativo sistema di sottopassaggi sotterranei trasudano acqua e in caso di piogge abbondanti zampillano. Quando arrivi nel tuo garage e fuori piove devi aprire l’ombrello perché dal solaio piove acqua e resina che ti rovina l’auto, quando entri in casa potresti anche trovare la taverna allagata sempre da acqua o liquami di fogna, questo perché i lavori in alcuni casi non sono stati fatti a regola d’arte. Ci sono anche parcheggi esterni, così ampi che ci viene parcheggiato ogni tipo di mezzo (roulotte, caravan, furgoni ecc.) con un viavai tale che i muri in tufo del parcheggio più grande stanno sfaldandosi. Il parcheggio posto tra il comparto C e il comparto C1 poi non è stato mai completato in oltre 10 anni”. I motivi che hanno spinto i residenti all’apertura del blog, che digitando sul web alla voce Terra dei consoli appare come primo risultato di ricerca, sembrano non avere fine. E soprattutto vengono continuamente raffrontati con quanto viene invece riportato alla sezione descrittiva del portale ufficiale. Se da una parte quest’ultimo scrive infatti che la sicurezza è uno dei fattori tenuti maggiormente in considerazione nel progetto, e che l’accesso è completamente inibito alle automobili, di contro i residenti scrivono invece che: “l’ambiente non è per niente sicuro, nel 2020/2021 sono state saccheggiate molte ville, a molte hanno strappato la cassaforte che poi hanno lasciato vuote nel campo da golf. Nel parco privato entra chiunque - continuano a scrivere, la guardiana non c’è più dal 1° gennaio 2022, tutti gli accessi sono aperti e non li controlla nessuno. Le automobili sfrecciano a velocità sostenuta essendo la via principale comunale e anche quando erano presenti le guardie giurate accadeva la stessa cosa. La sbarra di ingresso infatti è da tempo sempre aperta di giorno e di notte, senza controlli”. 

 

Insomma, i residenti hanno deciso di aprire il blog per rendere evidente quanto la situazione a Terra dei consoli sia da tempo sfuggita di mano. Un sogno che per molti di loro evidentemente si è trasformato in un incubo, con tanto di prove fotografiche e testimonianze e ciliegina sulla torta perfino la mancanza di rete per poter telefonare. La speranza per molti di loro, contattati via mail, è che si arrivi a smuovere uno stato di cose che continuando così, senza provvedimenti, può solo peggiorare. E prima che sia troppo tardi, ecco la nascita del blog, e la fondata possibilità che chi di dovere prenda finalmente in mano la situazione con soluzioni concrete.