Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Viterbo, Tuscania sotto choc per la morte di Federico Mazzoni

Veronica Ruggiero
  • a
  • a
  • a

Tuscania sotto choc per l’improvvisa morte di Federico Mazzoni, ragazzo di 24 anni trovato senza vita giovedì sera nella sua casa in via dei Vipinana, dove viveva da solo. Sarebbe stato un amico - che il 24enne, di professione operaio, aveva invitato a cena -, ad accorgersi intorno alle ore 20 che qualcosa non andava. Una volta arrivato davanti al portone e aver suonato il campanello, infatti, non avendo ricevuto risposta, l’amico ha provato a contattare Federico telefonicamente più volte senza riuscirci. Così ha chiamato i suoi familiari che a loro volta hanno immediatamente allertato i soccorsi, anche se per il giovane non c’è stato nulla da fare. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Tuscania e gli operatori sanitari del 118 che l’avrebbero trovato a terra, secondo alcune testimonianze con tracce di sangue sul naso. Ancora da accertare le cause del decesso, anche se al momento l’ipotesi più accreditata è che il 24enne possa essere stato stroncato da un malore.

La salma del ragazzo è stata messa a disposizione dell’autorità giudiziaria, ma fino alla tarda serata di ieri non sono arrivate conferme ufficiali sulla possibilità di sottoporla ad autopsia. Federico Mazzoni, come detto, viveva da solo in una strada laterale di via Tuscia, vicino alla chiesa Nostra Signora di Lourdes. Figlio di un agente della polizia stradale separato dalla madre, il 24 enne aveva anche una sorella più grande. Amante dello sport, aveva un’autentica passione per il pugilato, che praticava assiduamente, ma anche per il calcio, per la la Lazio e per la Viterbese, di cui era tifosissimo.

Era un ultras, che seguiva con frequenza le due squadre sia in casa che in trasferta. Una passione viscerale, che l’aveva fatto conoscere nell’ambiente del tifo organizzato. Non a caso ieri pomeriggio, una volta appresa la notizia della sua morte, è apparsa una dedica speciale per “Fede” sulla pagina Facebook dei Vetus Urbs, gli ultras della curva nord gialloblù. Un saluto al giovane tifoso immortalato mentre acclamava la sua squadra dagli spalti dello stadio Rocchi. Tante le tifoserie che hanno voluto dedicare un pensiero a Federico: “Riposa in pace”, hanno scritto dalla Vecchia nord Grosseto; “Un abbraccio da Sandonà” e “Condoglianze da Littoria (curva Nord del Latina, ndr)”, sono solo alcuni degli altri commenti sotto al post dei Vetus Urbs. Sul profilo social del ragazzi alcuni amici hanno postato una foto di un momento di condivisione, commentando: “Il mondo purtroppo è crudele. Ciao Fede”. Paese sotto choc per la grave perdita, molti cittadini hanno dedicato un pensiero al ragazzo. “Come è giovane! Vi sono vicina come Tuscanese e come mamma. Condoglianze”.