Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, tredicenne disabile aggredito e rapinato da due ragazzi

Alessio De Parri
  • a
  • a
  • a

Tredicenne disabile inseguito, aggredito, preso a bottigliate e rapinato da due ragazzi più grandi. E’ quanto denunciato dalla madre del ragazzino, che ieri è andata dai carabinieri per sporgere denuncia contro ignoti. Ci tornerà oggi, in quanto i militari le hanno chiesto di portare con sé anche il figlio. L’aggressione è avvenuta venerdì scorso in via Oscura, nei pressi della scuola media Fantappiè.

“Mio figlio frequenta un altro istituto della città - racconta la madre -. Venerdì alle 14 sono andata a prenderlo alla fine delle lezioni, ma lui mi ha detto che voleva restare con i suoi compagni di classe e che sarebbe tornato a casa da solo. Così sono rientrata aspettando il suo rientro. Un quarto d’ora dopo, però, l’ho chiamato sul suo cellulare, piangeva a dirotto e mi ha detto che era stato aggredito da due ragazzi più grandi di lui”. Il tredicenne ha raccontato alla madre che dopo essersi separato dai compagni in piazza delle Erbe ha proseguito da solo verso casa salendo a piedi in via dell’Orologio Vecchio. “Alla fine della strada ha girato a sinistra in via della Verità, quindi ha attraversato piazza Concetti. Qui mi ha detto di aver incrociato lo sguardo con due ragazzi, che gli hanno chiesto cosa volesse. Lui ha fatto finto di nulla e ha proseguito per la sua strada. I due lo hanno seguito a piedi e poi lo hanno aggredito all’altezza di via Oscura, la strada che si trova nei pressi della scuola Fantappiè”.

Attimi di paura per il 13enne, in balìa dei due aggressori: “Uno dei due lo ha tenuto fermo spingendolo contro il muro, mentre l’altro ha preso alcuni rifiuti dai masselli della differenziata di un’abitazione vicina, sistemati lungo la via e gli ha tirato contro di tutto: una bottiglia di vetro, un cartone con gli avanzi di un pezzo di pizza e altri rifiuti. Poi gli hanno chiesto dei soldi e lui, ovviamente impaurito, gli ha dato i 5 euro che gli avevo lasciato per la merenda”. Subito dopo i due adolescenti sono fuggiti, facendo perdere le loro tracce tra i vicoli del centro vicini vicino a via dei Mille”.