Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, maxirissa tra stranieri in piazza San Faustino. Sette a processo

V. T.
  • a
  • a
  • a

Si sarebbero affrontati lanciandosi bottiglie di vetro e transenne di ferro nel corso di una mixa rissa tra una ventina di persone scoppiata a San Faustino la sera del 20 agosto del 2018. Sul banco degli imputati sono finiti in 7, tutti stranieri, romeni e nordafricani, tra i 26 e 33 anni. Ieri, dopo alcuni rinvii, dovuti alla pandemia ancora in corso e a risvolti di natura giuridica, sono stati sentiti due poliziotti della squadra mobile intervenuti sul posto.

 

“A seguito di una segnalazione al 113 ci recammo a piazza San Faustino – ha riferito in aula un soprintendente -, dove delle persone ci sollecitarono a proseguire su via Cairoli dove trovammo dei cittadini romeni in stato di agitazione con escoriazioni, magliette strappate, fermi davanti al portone di un palazzo, i quali ci dissero che erano stati aggrediti da altri uomini che si erano rifugiati in un’abitazione all’interno dell’edificio e decidemmo di entrare nell’appartamento che ci avevano segnalato. Successivamente scoprimmo che la rissa nacque da screzi che avevano avuto nei giorni precedenti. Alcuni di loro erano colleghi di lavoro e la discussione sfociò in lite per motivi lavorativi”.

 

 

Il dibattimento che si sta celebrando davanti al giudice Rigato riprenderà il 22 settembre con le deposizioni degli ultimi tre testimoni dell’accusa.