Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, Chiara Frontini: “Scarsa attenzione alle esigenze degli ex Comuni”

  • a
  • a
  • a

La consigliera comunale di minoranza Chiara Frontini torna a sollevare il problema relativo alla penalizzazione subìta dalla realtà territoriali degli ex Comuni.

 


 

“La perdita di rappresentanza amministrativa - scrive in una nota la leader di Viterbo 2020 - è un tema ancora caldo nei territori degli ex Comuni. La gestione del territorio dell’ultimo decennio ha evidenziato una totale mancanza di visione d’insieme e una scarsa attenzione alle esigenze dei cittadini degli ex Comuni. Non possiamo continuare a far finta che il problema non esista: da quando sono state abolite le circoscrizioni, gli abitanti dei territori che una volta avevano un comune autonomo (Bagnaia, San Martino, Grotte Santo Stefano, Roccalvecce) sono stati privati di un punto di riferimento fondamentale. Sono ormai passati dieci anni dall’istituzione dei Consigli dei Territori, che però non sono mai stati messi nella condizione di funzionare davvero, non c’è stata una vera volontà di farli funzionare.  Al centro delle nostre proposte c’è sempre stata come priorità l’effettiva la rappresentanza degli ex Comuni affinché potessero dialogare con i funzionari amministrativi per far valere le loro proposte e necessità. E’ importante che i cittadini degli ex Comuni abbiano punti di riferimento chiari e che i rappresentanti siano in continuo dialogo con l’amministrazione centrale”.

 

Conclude la consigliera di opposizione Chiara Frontini: “I cittadini degli ex Comuni devono avere un ruolo centrale nelle decisioni della città, le loro necessità devono tornare ad essere espressione delle azioni amministrative. È d’obbligo nella prossima consiliatura rendere operativi i Consigli dei Territori e dotare gli Ex Comuni di uno strumento di rappresentanza e partecipazione che dia voce alle esigenze dei cittadini, in maniera davvero efficace”.