Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, neve. Disagi sulla Cimina. Operai della Provincia monitorano le strade | Video

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Neve sulla Cimina nei pressi del bivio per San Martino al Cimino con la frazione che si è svegliata imbiancata. Neve anche nella zona dei Cimini: una spruzzata a Canepina, precipitazioni nevose segnalate a Capranica e Oriolo Romano dove il sindaco ieri ha firmato l’ordinanza per tenere chiuse le scuole. La neve è caduta come in diverse zone del Sud della Tuscia tra le 4 e le 6 del mattino di mercoledì 12 gennaio.

 


I disagi ieri all’alba sono ci sono stati per tutti quei automobilisti che hanno dovuto percorrere le strade, come la Cimina, che non erano state ancora pulite dai mezzi spargisale o spazzaneve della Regione o, per le strade di competenza, della Provincia. Comunque nell’arco di un paio d’ore le strade sono state tutte pulite. I mezzi di Astral hanno puliti la Cimina che era stata coperta da un manto bianco soprattutto nella zona del valico. “Le nostre squadre sono tutti allertati e i vari funzionari responsabili delle varie zone del territorio stanno monitorando la situazione per cercare di azzerare i disagi”, dice al telefono il presidente della Provincia Alessandro Romoli. “C’è un piano neve - continua - che è stato adottato da tempo e che ci ha permesso di essere operativi rispondendo con immediatezza. Le squadre sono al lavoro da ore e ringrazio i dipendenti per l’impegno. Continuiamo a monitorare tutte le strade di nostra competenza”.

 


Per quanto riguarda il Comune di Viterbo nei giorni scorsi c’è stato un vertice con il commissario Antonella Scolamiero, il comandante dei vigili Vinciotti e i volontari della protezione civile per organizzarsi per un’eventuale emergenza neve che per il momento non sembra aver coinvolto il comune capoluogo.Per informazioni c’è l’App Protezione Civile Viterbo, l’applicazione che offre ai cittadini tutte le informazioni in merito ad allerte e avvisi, indicazioni su cosa fare in caso di calamità naturali o particolari situazioni di rischio e pericolo (neve e gelo, rovesci di pioggia e grandine, vento, incendi, temporali e fulmini), e notizie sull’attività portata avanti dai gruppi di volontari  su tutto il territorio.