Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Viterbo, viola il divieto di avvicinamento per il compleanno del figlio. Dominicano davanti al giudice

  • a
  • a
  • a

Slitta al primo febbraio l’udienza del processo a un 31enne originario della Repubblica Dominicana, residente in città, accusato di maltrattamenti in famiglia aggravati, violenza sessuale e lesioni personali. L’uomo, difeso dall’avvocato Domenico Gorziglia, martedì 19 ottobre scorso ha violato il divieto di avvicinamento precedentemente disposto nei suoi confronti e si è presentato a scuola per fare gli auguri di compleanno a uno dei figli. Parti civili contro di lui moglie e i due bimbi della coppia, assistiti dall’avvocato Dominga Martines del centro antiviolenza Penelope.

 

 

A novembre 2020, il 31enne era stato sottoposto all’allontanamento dall’abitazione familiare e al divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa. La moglie, secondo le ricostruzioni, sarebbe stata picchiata con un bastone e sarebbe stata costretta ad avere rapporti sessuali contro la sua volontà. Le violenze avrebbero coinvolto anche i figli di 3 e 6 anni, i quali sarebbero stati in più occasioni colpiti dal padre con bastoni di legno.

 

La mattina del 19 ottobre è stato il dirigente dell’istituto scolastico frequentato dal bimbo ad avvistare il 31enne nei paraggi e a dare l’allarme. La responsabile del centro antiviolenza Penelope di Viterbo che sta assistendo il piccolo nucleo famigliare ha tempestivamente avvisato gli uomini della Polizia di Stato che si sono precipitati sul posto, rintracciando il giovane all’ingresso della scuola, il quale ha dichiarato agli agenti di voler incontrare il bimbo per consegnargli un disegno.