Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, portiere rischia la vita in campo. Tiziano Galiberti: "Grazie a chi mi ha salvato"

Fabrizio Ercolani
  • a
  • a
  • a

“La prima cosa che mi viene in mente è ringraziare tutti coloro che hanno speso un pensiero per me ma soprattutto, mister De Paolis, il padre e Marco Zimmaro. Senza di loro non so come sarebbe finita, quindi un grazie potrebbe non bastare, ma è il minimo che posso fare”. A parlare è Tiziano Galimberti, portiere classe 2000 vittima di un bruttissimo incidente di gioco durante la partita Cura-Allumiere. Sola la prontezza di mister De Paolis e del padre unita all’opera del compagno di squadra Marco Zimmaro hanno evitato il peggio.

 

Tiziano, dopo una notte passata in osservazione all’ospedale Belcolle e dopo gli esiti della Tac, è a casa ma di quegli attimi il giovane portiere non ricorda. “Non ricordo nulla di nulla, neanche gli attimi precedenti all’impatto. È una sensazione davvero strana”. Attimi lunghi come un’eternità vissuti con grande apprensione da parte di tutti i presenti. “Sono stati momenti drammatici domenica a Cura -racconta il difensore Roberto Famà sottolineando come ci sia bisogno di alzare l’asticella sul tema della sicurezza- Bisogna promuovere la sicurezza di noi calciatori perché così si rischia di morire per una partita di pallone”. Anche Marco Zimmaro, colui che ha disostruito le vie respiratorie al giovane portiere la pensa come Famà. “È troppo importante durante degli eventi sportivi la presenza del personale medico è inconcepibile una situazione del genere. Questa volta siamo stati bravi e fortunati e grazie a Dio Tiziano Galimberti si è salvato. -sottolinea, ricordando poi quei momenti- Tiziano Galimberti Rimettiti presto amico mio! E non ti azzardare mai più a farmi prendere una paura del genere! Un applauso e un ringraziamento enorme al papà di David de Paolis”.

 

Tantissimi gli attestati di stima, gli auguri di pronta guarigione ed i messaggi di solidarietà da parte di altre società tra cui il Tarquinia Calcio che sulla sua pagina social scrive. “Un grande abbraccio da parte del Tarquinia Calcio a Tiziano Galiberti e a tutti i ragazzi dell'Usd Allumiere e un grazie enorme a mister De Paolis, a suo papà e a Marco Zimmaro: è grazie al loro coraggio, alla prontezza e alla generosità che oggi possiamo parlare solo di un brutto spavento”. Tiziano Galimberti, classe 2000, cresciuto calcisticamente nel Civitavecchia ha avuto esperienze di prima squadra nel Montalto (Eccellenza), Tolfa (Promozione) per poi seguire mister Pacenza all’Allumiere dove ha la fortuna di essere allenato da un grande portiere del passato Franco Superchi. Ora passato lo spavento è già pronto a rimettere guanti e scarpini tornando a difendere quella porta che solamente i portieri possono capire cosa significa.