Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, perseguita ex fidanzata e minaccia il compagno. Arresti domiciliari con il braccialetto elettronico per un egiziano

  • a
  • a
  • a

Nel pomeriggio dello scorso 31 dicembre agenti della Squadra Mobile di Viterbo ha eseguito la misura cautelare degli arresti domiciliari con braccialetto elettronico nei confronti di un cittadino di nazionalità egiziana, residente a Viterbo, indagato per i reati di atti persecutori (stalking), minaccia e porto ingiustificato di arma da taglio in seguito a una serie di episodi commessi in danno della ex compagna e del suo attuale fidanzato nel periodo compreso tra agosto 2020 e dicembre 2021.

 

 

Lo straniero, inoltre, era destinatario di un provvedimento di ammonimento del Questore di Viterbo, misura che lo stesso ha violato e che, sulla base di una ulteriore denuncia presentata dalla parte offesa, ha portato all’emanazione della più incisiva ordinanza cautelare.

 

Gli operatori della Squadra Mobile, nella mattinata di sabato 8 gennaio, hanno anche eseguito la misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di un cittadino domiciliato a Viterbo, indagato per il reato di Atti persecutori nei confronti della sorella per fatti commessi nel capoluogo dal novembre 2020 fino allo scorso 3 gennaio. L’indagato, tra l’altro, era anche destinatario della misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale nonché della misura cautelare del Divieto di avvicinamento nei confronti della figlia, provvedimenti che lo stesso ha ripetutamente violato e che, sulla base di una ulteriore denuncia presentata a suo carico, hanno portato all’aggravamento dell’originaria ordinanza restrittiva.