Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, scuola. Lavagne intelligenti, pc, tablet e tv nell'istituto Stradella di Nepi

Esplora:

Massimiliano Conti
  • a
  • a
  • a

Quarantotto smartboard interattive di ultima generazione per navigare in internet senza collegamento a pc e videoproiettore; 120 tra pc e tablet forniti in comodato d’uso agli alunni (erano 31 fino allo scorso anno); tv da 55 pollici installati in alcune classi, soprattutto della scuola dell’infanzia. Sono alcuni numeri della “rivoluzione digitale” intrapresa dall’istituto comprensivo Stradella di Nepi, che nel corso del 2021 ha anche rinnovato il laboratorio di informatica della sede centrale. Con la collaborazione del Comune, in particolare, è stata ottimizzata la rete wi-fi dell’istituto scolastico ed è stato velocizzato l’accesso ad internet, ora disponibile in tutti i locali delle sedi di via Roma e di piazza del Comune. 

 


 

“Innovazione e sperimentazione sono due termini sui quali si fonda la mission educativa del nostro istituto, delineata nel Ptof 2022-25 da poco deliberato, che coniuga istruzione e formazione – spiega la dirigente scolastica Domenica Ripepi -. La principale missione che l’ istituto si propone è quella di sviluppare appieno quelle competenze che la riflessione pedagogica moderna considera un prerequisito indispensabile per un consapevole inserimento nella società e nel mondo del lavoro”. 
Fondamentale, nel processo di innovazione avviato, è stata la collaborazione tra la dirigenza, il Dsga e le figure di sistema da un lato, i Comuni di Nepi e Castel Sant’Elia dall’altro. 

 

 

Anche il sito web della scuola è stato implementato con nuove funzioni utili alle famiglie: appuntamenti specifici e contatti per posta elettronica tramite format precompilati. 
“Il personale docente – continua la dirigente scolastica -, ha ritenuto fondamentale lo sviluppo delle proprie competenze sull’uso dei nuovi strumenti tecnologici, rimodellando approcci disciplinari, programmazioni e metodologie didattiche. Importante è stata la frequenza ai corsi di aggiornamenti previsti nell’ambito del Piano nazionale scuola digitale”. 
“Già da quest’anno - conclude la preside dell’istituto comprensivo nepesino Stradella, Domenica Ripepi -, gli insegnamenti di matematica e di italiano del tempo prolungato della scuola media prevedono l’utilizzo di risorse tecnologiche e piattaforme digitali come modalità principale di svolgimento delle attività laboratoriali”.