Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, Fratelli d'Italia. Nella Tuscia 48 circoli e 1.400 iscritti

Massimiliano Conti
  • a
  • a
  • a

Oltre 1400 iscritti in tutta la provincia, con un netto balzo in avanti rispetto al 2020, oltre 48 circoli aperti su un totale di 60 comuni. E’ un partito in crescita quello di Fratelli d’Italia, sia a livello nazionale che locale. A tracciare un bilancio sull’anno che si è appena chiuso - con un atto drammatico come la caduta del Comune di Viterbo - è il responsabile organizzativo,Vincenzo Fini.

“Il tesseramento ha raggiunto numeri record – spiega Fini -. Oltre il 15% delle 1400 tessere sono state sottoscritte on line, a riprova di una crescita che si caratterizza in termini moderni e in linea con le caratteristiche di FdI anche in termini di comunicazione”. Proprio nei giorni scorsi è stato inaugurato il nuovo sito del partito (Fdi-viterbo.it): “Si tratta di una vetrina ampia e dettagliata sulle attività e l’organigramma, con i referenti per ogni dipartimento e gli eletti di ogni ordine e grado nelle vari enti della provincia – continua il responsabile organizzativo -. Il sito va ad affiancarsi agli altri canali informativi, costantemente aggiornati: Facebook, Instagram e Twitter, nonché la rassegna settimanale Open Camera, sulle numerose iniziative parlamentari. Un’intensa attività online che procede, di pari passo, con quella portata avanti sul territorio quotidianamente, fatta di confronto e di relazioni interpersonali: un rapporto costante che ha portato all’apertura di 48 circoli: un risultato impensabile fino a qualche anno fa e che attesta Fratelli d’Italia ai massimi di livelli di presenza nella Tuscia”.

Il 2021 si chiude con un bilancio positivo anche per il deputato Mauro Rotelli, che preferisce sorvolare tuttavia sulla caduta di Palazzo dei Priori: “Non sono interessato alle vicende del Comune, piuttosto mi preme sottolineare il momento tutt’altro che felice che la nostra democrazia e la nostra Repubblica stanno vivendo. L’anno è finito con una legge di bilancio vergognosa, approvata apponendo la fiducia”.