Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo Covid, "Aiuti dal Comune per i tamponi agli studenti". L'appello della minoranza a Montefiascone

Alessandro Quami
  • a
  • a
  • a

Mentre l’ex sindaco Massimo Paolini promette di spiegare per bene come stanno le cose in merito a Villa Serena, nel Consiglio comunale di mercoledì si è discusso anche di altro. Ad esempio, sono state molte le interrogazioni che la minoranza ha rivolto alla sindaca e alla sua maggioranza. 

 

Una è stata fatta dall’ex vicesindaca, e attuale consigliera di opposizione Orietta Celeste. La quale è stata promotrice di una mozione, firmata dall’intera minoranza “con la quale abbiamo ritenuto importante proporre all’amministrazione De Santis - ha spiegato in aula la consigliera Celeste - di reperire dei fondi per sostenere le spese per i tamponi obbligatori per gli studenti minori che devono rientrare a scuola dopo la chiusura della classe per quarantena cautelativa. Mi auguro che tale mozione sia accolta e che gli amministratori riescano a reperire e programmare i fondi necessari, magari sottoscrivendo delle convenzioni con le farmacie e gli ambulatori che vorranno partecipare. Sarebbe un importante segnale di sostegno per le famiglie colpite da tale emergenza sanitaria, sia dal punto di vista economico che morale. Un segnale di vicinanza in un particolare momento storico dove il concetto di normalità è purtroppo mutato per tutti. Restiamo comunque fiduciosi”.

 

 

Un’altra interrogazione è stata presentata dal consigliere di Fratelli d’Italia Massimo Ceccarelli, che si è rivolto al collega di maggioranza Giorgio Cacalloro, delegato alle strade rurali: “Le strade di campagna sono in pessimo stato. Prendere provvedimenti per sistemarle”. Ha risposto Cacalloro, che imputa alla giunta Paolini di aver speso “oltre 200 mila euro per nemmeno tre strade. Ma come avete fatto a spendere tutti questi soldi per una strada intera e due metà? A primavera dovremo per forza intervenire, ma avreste potuto fare meglio con tutto quel denaro pubblico”. Ceccarelli ha precisato che “il costo del rifacimento delle strade proviene da un progetto e da un finanziamento regionale. Non ci siamo inventati nulla”. Durante la seduta la sindaca Giulia De Santis ha anche ricordato che è entrata in vigore l’ordinanza che vieta a Capodanno di accendere fuochi d’artificio ed esplodere botti e petardi.