Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Covid Viterbo, variante Omicron ormai dominante. In tre giorni accertati 546 contagi

Beatrice Masci
  • a
  • a
  • a

Da venerdì a ieri (giorni clou per riunioni di famiglia), si sono registrati complessivamente 546 positivi. Un incremento legato all’aumento della richiesta di tamponi, necessari per partecipare in tutta tranquillità alle riunioni familiari, ma soprattutto alla variante Omicron.

Pur in assenza di dati specifici, infatti, la Asl considera questa ormai predominante. In base alle evidente scientifiche, ciò significa contagi in forte crescita - come del resto sta avvenendo. A questo punto si attendono i dati che precedono il Capodanno per sapere se il Lazio si colorerà di giallo. Dati in aumento, come detto, anche per il maggior numero di tamponi effettuati. Un fatto, questo, che induce a pensare che molte persone siano positive senza saperlo e continuino ad andare in giro. L’aumento di tamponi da analizzare è arrivato soprattutto nella giornata di Natale anche da molti laboratori privati dell’area di Tarquinia, che, non a caso, ieri ha fatto registrare il record di positivi: 41. Il giorno della vigilia di Natale, in tutta la provincia si sono registrati 153 positivi (record a Viterbo con 35 casi), a Natale 258 (record ancora a Viterbo con i casi schizzati a 75), ieri 135 positivi (record, come detto, a Tarquinia: 41). In crescita anche il numero dei guariti: 137 il 24 dicembre e 72 il giorno di Natale.

La Asl, nel bollettino giornaliero, non ha reso noti i dati dei guariti di ieri, ma solo perché i laboratori non hanno inviato i risultati nel giorno di Natale. Il boom, inevitabile, ci sarà domani con la somma dei guariti registrati in due giorni. Numeri in crescita anche sul fronte dei ricoveri. Ieri erano 16 a malattie infettive e tre in terapia intensiva. Oscillazioni lievi rispetto ai due giorni precedenti. Il giorno di Natale, infatti, a Belcolle erano ricoverate 18 persone, di cui quattro in terapia intensiva, mentre il 24 dicembre i ricoveri erano 22, di cui tre in intensiva.