Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, riqualificazione immobili. Arrivano 329 milioni

Mattia Ugolini
  • a
  • a
  • a

Arriva il Pnrr e la Tuscia inizia a programmare gli interventi da realizzare. Ieri, presso lo spazio attivo di Lazio Innova, sono stati presentati dall’Ater e dall’assessore regionale alle Politiche abitative Massimiliano Valeriani i progetti più importanti. Su tutti spicca l’opera di riqualificazione e rifunzionalizzazione che vedrà protagonista l’edificio storico dei santi Simone e Giuda, conosciuto ai più come “i Cronici”, che, fino al 1979, assunse la funzione di ospizio. La struttura, grazie ad un maxi finanziamento da 14,6 milioni, diverrà un collegio di merito destinato a studenti che, nel corso degli studi, avranno dimostrato capacità e risultati brillanti. In contemporanea, l’altra ala sarà adibita come struttura organizzata per le donne in difficoltà che necessitano di un percorso pratico.

“La soprintendenza - ha affermato l’amministratore Ater Ivan Grazini - si è detta disponibile. Entro otto mesi sarà pubblicata la gara, mentre i lavori potranno iniziare nel 2023. Considerando la mole di lavoro, saranno necessari ulteriori 3 anni per giungere al collaudo”. Dunque l’immobile prenderà vita nella sua nuova forma all’alba del 2026. Al suo interno, inoltre, ci saranno sale conferenze, sale studio, workshop ed una biblioteca. “Si integrerà al Borgo della Cultura”, dice entusiasta il dg Asl Daniela Donetti. “Anche Viterbo avrà uno splendido complesso, come le grandi città universitarie”, ha detto invece il magnifico rettore dell’Unitus Ubertini. “Queste strutture sono legate da un filo culturale ed una proposta dirompente. Due brutture che verranno tolte di mezzo per qualcosa di stupendo”, ha dichiarato infine il consigliere regionale Enrico Panunzi.

Ma questo, come spiegato alla presentazione, non sarà l’unico ambizioso proponimento. Sono ben 10 i piani di manutenzione e riqualificazione scelti dalla Regione, per un totale di 329 milioni di finanziamento e 2.542 alloggi coinvolti. A Viterbo, oltre che all’intervento ai Cronici, saranno destinati contributi agli edifici siti in via dei Buccheri (5 milioni), via Castel di Fano (4 mln) e via Cacciabella (900 mila euro). In provincia, invece, figurano i 2 milioni concessi per quelli di via Aldo Moro a Vetralla (2 mln), via donatori di sangue a Corchiano (4 mln), Graffignano (4,6 mln) e Castiglione in Teverina (3 mln). “Il cambiamento - ha commentato l’assessore Valeriani - non è distruggere ma costruire. È importante sostenere questa iniziativa, per la rigenerazione urbana non sono mai arrivate queste risorse. Il Covid ha generato una reazione delle istituzioni per farci ripartire”. L’uomo di Zingaretti ci tiene a rassicurare i cittadini: “Ci vogliono i progetti, fatti bene. Nulla sarà fatto a babbo morto, saremo capaci di realizzare questi interventi entro quando ce lo chiederà l’Europa. Questa sarà una sorta di Rivoluzione copernicana per il territorio viterbese e noi della Regione Lazio ne saremo orgogliosi”.