Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, ceramiche di Civita Castellana più green. Sette aziende danno vita all'Apea

Alfredo Parroccini
  • a
  • a
  • a

Un passo importante per Civita Castellana, in particolare per il distretto industriale che, rappresentato questa volta da sette aziende visionarie, si inserisce nella ristretta cerchia delle 5 Apea (Aree produttive ecologicamente attrezzate) presenti nella Regione Lazio. I soggetti virtuosi che costituiscono l’Apea distretto industriale di Civita Castellana, riconosciuta dalla Regione Lazio il 19 novembre, sono Apeal, Ecoprat, Recuperi materie prime, Azzurra, Scarabeo, Olympia e Gemica. Inizia così il progetto sposato e fortemente sostenuto dalle sette aziende costituenti che nella persona dei loro rappresentanti hanno lavorato dal 2017 con grande caparbietà affinché un’area come quella del distretto industriale di Civita Castellana, così economicamente rilevante e di fama internazionale, potesse inserirsi nel più ampio scenario delineato in materia di green economy, e quindi non perdesse l’occasione di allinearsi ai contenuti della Smart specialisation strategy della Regione Lazio.

 

 

L’Apea locale si configura ufficialmente come il soggetto di riferimento per le aziende del territorio (Civita Castellana, Castel Sant’Elia, Fabrica di Roma, Corchiano, Faleria, Gallese, Nepi e Sant’Oreste) che potranno aderire, al fine di accedere concretamente alle risorse che verranno veicolate dalla Regione Lazio per allinearsi finalmente ai princìpi dell’economia circolare, nell’ottica di riduzione degli sprechi e valorizzazione delle risorse, facendosi promotori di economie di scala più sane, più verdi e con una spiccata responsabilità sociale senza la quale la “rivoluzione verde e transizione ecologica” non sarebbero possibili.

 


 

“Principio cardine intorno al quale ruoteranno le attività di intervento- spiegano gli aderenti - sarà realizzare un ‘ciclo chiuso’ secondo il quale gli output di un’attività produttiva saranno gli input di un diverso processo. A tale scopo saranno fondamentali le sinergie che si svilupperanno attraverso le aziende facenti parti dell’Apea e le aziende che ruotano intorno ad essa come Artigianlegno, Euroarcew e Imerys Ceramics Italy che metteranno a disposizione know-how e risorse necessarie per sviluppare un modello industriale sostenibile". A tal proposito il presidente Antonio Sini dichiara: “Con il riconoscimento da parte della regione Lazio dell’Apea, si avvera un sogno. La creazione di un distretto industriale green che rilanci con più forza le industrie a livello internazionale, coniugando la produzione ceramica con il rispetto dell’ambiente. L’obiettivo è quello di allargare a tutte le aziende del distretto la partecipazione all’Apea”.