Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo Covid, mascherine all'aperto in tutti i comuni. Pronta direttiva del prefetto Bruno

Massimiliano Conti
  • a
  • a
  • a

Mascherine all’aperto in tutti i comuni. Non è ancora ufficiale, ma sarebbe questo il provvedimento che si profila all’orizzonte secondo indiscrezioni raccolte ieri pomeriggio al termine del comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica, che si è riunito in prefettura in vista del D-Day di lunedì prossimo, quando entrerà in vigore su tutto il territorio nazionale il green pass rafforzato, o super green pass. Venerdì il comitato tornerà a riunirsi e in quella sede il prefetto, con molta probabilità, solleciterà i sindaci di tutti e 60 comuni della Tuscia a emanare delle ordinanze per il ripristino delle mascherine anche negli spazi aperti. Un ritorno al passato, dovuto al preoccupante aumento dei contagi registrato negli ultimi giorni nella provincia.

Su questo fronte il sindaco di Viterbo Giovanni Arena aveva già anticipato la sua intenzione, tant’è che l’ordinanza è pronta sul tavolo del comandante della polizia municipale Mauro Vinciotti. Sul fronte dei controlli, durante la riunione di ieri è stato stabilito, in linea con le indicazioni della ministra Lamorgese, che spetteranno a delle pattuglie interforze: polizia, carabinieri, finanza e vigili urbani saranno mobilitati a partire da lunedì per verificare il possesso del green pass rafforzato (doppia vaccinazione o guarigione) nei locali pubblici, nei luoghi di assembramento e di lavoro. Spetteranno invece alle aziende dei trasporti – alla riunione di ieri erano presenti Cotral e Francigena ma non Atac (gestore della ferrovia Roma Nord) - i controlli sui mezzi pubblici, anche se gli stessi organi di polizia potranno svolgere verifiche a campione alle fermate dei bus o a bordo. In questo caso basterà esibire il green pass base (tampone molecolare valido 72 ore o antigenico 48).

Resta tuttavia un grande punto interrogativo: cosa succederà agli studenti pendolari, che nella Tuscia sono 8 mila su 13 mila iscritti alle superiori e che finora hanno potuto e possono frequentare la scuola anche senza vaccinazione? Coloro che sono sprovvisti di green pass saranno invitati a scendere dal mezzo e multati? Per ora si tratta di domande senza risposta. Di sicuro c'è che nel decreto approvato il 24 novembre dal Consiglio dei ministri non sono previste deroghe. Per la Rete degli studenti medi di Viterbo si tratta di un problema circoscritto a un’esigua minoranza di studenti pendolari: “La maggior parte dei ragazzi sono vaccinati e non abbiamo segnalazioni in merito”, dice Teresa Pianella. Infine, era attesa per questa settimana la decisione del prefetto sul ritorno al turno unico di ingresso a scuola, richiesto a da studenti, dirigenti e sindacati. Ma con il passare dei giorni le speranze di ottenerlo si riducono in maniera inversamente proporzionale all’aumento dei contagi.