Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Viterbo, morto dopo essere guarito dal Covid. Anziano ucciso da un batterio a Belcolle. Indaga la Procura

Valeria Terranova
  • a
  • a
  • a

Muore in ospedale dopo aver sconfitto il Covid e la Procura avvia le indagini. Si tratta di un pensionato di 79 anni, romano d’origine ma domiciliato in un piccolo centro della provincia, che è deceduto sabato 20 novembre all’ospedale Belcolle dopo aver contratto un batterio nosocomiale.

 

“Durante il periodo di degenza era guarito e l’ultimo tampone infatti è risultato negativo. In quei giorni però mandava dei messaggi ai parenti in cui diceva loro che l’ossigenoterapia, il trattamento al quale era stato sottoposto, che gli stavano somministrando ultimamente lo faceva stare molto male – ha riferito il legale della vedova, l’avvocato Angelo Di Silvio-. Esattamente scriveva che si sentiva bruciare. ‘Mi sento bruciare tutto’. Da quello che ci risulta è venuto a mancare a seguito di una infezione batterica contratta all’interno dell’ospedale che ha finito per compromettere una situazione di salute già precaria, essendo lui un paziente fragile con comorbidità, dunque un soggetto molto esposto all’insorgenza di patologie accessorie durante il decorso clinico della malattia che lo aveva colpito, nel suo caso il Covid. Dopo la morte del marito la moglie ha sporto denuncia”.

 

Ieri pomeriggio è stata effettuata l’autopsia sul corpo della vittima dalla dottoressa Benedetta Baldari, consulente tecnico medico legale, alla quale è stato affidato l’incarico dal pm Paola Conti, titolare del fascicolo, nella stessa mattinata. L’esperta consegnerà quanto emerso dall’esame autoptico volto a chiarire i motivi del decesso entro 60 giorni dall’inizio delle operazioni peritali. Nello specifico, alla specialista è stato chiesto di accertare “l’epoca, i mezzi e le cause che hanno provocato la morte” dell’uomo. Nel frattempo, anche la famiglia del settantenne, tramite il difensore, ha provveduto a nominare il proprio consulente di parte, il dottor Sandro Leonardi, al quale è stato affidato il compito di verificare l’eventuale presenza di infezioni batteriche e se queste abbiano o no determinato o altrimenti contribuito a causare la morte del 79enne.