Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Viterbo, bambino ucciso. A Vetralla parte raccolta fondi per aiutare la mamma di Matias. Il conto corrente per le donazioni

  • a
  • a
  • a

Una raccolta fondi per aiutare la famiglia del piccolo Matias, in particolare la mamma, Mariola Rapaj lasciata sola con questo dolore immenso. La comunità di Vetralla è ancora sconvolta da ciò che è accaduto 10 giorni fa a Cura quando il bambino di 10 anni è stato ritrovato morto, imbavagliato con lo scotch e accoltellato alla gola, nella sua abitazione in Stradone Fazi. Ad ucciderlo, secondo gli inquirenti sarebbe stato il padre, Mirko Tomkow polacco di 44 anni, che si trova in carcere accusato di omicidio volontario aggravato.
Intanto a Vetralla, come detto, da giorni è partita la catena di solidarietà e nessuno vuole lasciare sola mamma Mariola.

 

 

Tante le iniziative che sono state pensate, e alcune anche avviate, per questo il Comune ha pensato di canalizzare tutto questo sentimento verso una raccolta fondi promossa dall’ente stesso. “Canalizziamo la solidarietà per il piccolo Matias”, si legge in un post pubblicato sul profilo Facebook istituzionale. “Una raccolta fondi per andare oltre la commozione.  Basta poco, anche 5 euro possono fare la differenza se messi insieme a quelli di tutti noi”, spiegano dal Comune. Per questo è stato aperto un conto corrente specifico per le donazioni. I versamenti e bonifici andranno inviati al conto (Iban:IT36T08931733500 00040019756) intestato Comune di Vetralla raccolta fondi  con la seguente causale: Aiuto Matias.

 

La mamma del piccolo ucciso subito dopo la tragedia è stata assistita dai servizi sociali del Comune che la stanno seguendo cercando di aiutarla a vivere questa durissima prova. Nei giorni successivi all’omicidio e durante il funerale il sindaco Sandrino Aquilani ha ribadito più volte che la comunità non avrebbe abbandonato la famiglia del bambino che, parole sue, “è diventato figlio di tutti”.