Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Viterbo, bambino ucciso. Lo zio ha avuto un malore: è ricoverato all'ospedale Belcolle

  • a
  • a
  • a

Chissà quante volte gli è passata davanti agli occhi la stessa scena in questi giorni. Lui che lascia Matias davanti al portoncino di casa e il bambino che sale per le scale. Non si dà pace lo zio del piccolo ucciso che domenica, accecato dal risentimento verso il cognato, si è presentato a Belcolle con un coltello. “Ditemi dov’è Mirko, lo ammazzo”, ha gridato prima di essere fermato da guardie giurate e pochi carabinieri che lo hanno denunciato a piede libero per porto abusivo di armi.
L’uomo ha consegnato spontaneamente la lama e subito dopo ha avuto un malore. E’ stato dunque portato in osservazione e sedato. nella serata di domenica c’è stato il trasferimento in reparto dove rimarrà almeno fino a metà settimana. Nei suoi confronti, come detto in precedenza, non c’è stata alcuna misura cautelare anche perché tornato lucido si è di fatto consegnato ai militari intervenuti per placarlo.