Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, parcheggi azzerati al Pilastro. Interrogazione di Luisa Ciambella (Pd)

Mattia Ugolini
  • a
  • a
  • a

Ancora disagi legati alla viabilità per i residenti del Pilastro. Dopo le polemiche relative ai vari divieti che vengono costantemente diffusi dal Comune in prossimità delle partite al “Rocchi” di Viterbese e Monterosi, questa volta nel mirino delle critiche ci sono una serie di divieti di sosta, che andrebbero ad eliminare la quasi totalità dei parcheggi nella zona, ed un senso unico nella stessa via. 
A denunciare la problematica situazione, con un’apposita interrogazione, è la consigliera dem Luisa Ciambella. “Nei giorni scorsi – spiega – diversi residenti hanno notato l’installazione da parte degli operai del Comune di alcuni paletti in via Pinzi. Andando a verificare sull’albo pretorio, è apparsa un’ordinanza dalla quale emerge che verranno installati dei divieti di sosta e un senso unico proprio in via Pinzi, nella parte compresa tra i civici 7, 9, 11 e 13. Il problema è che nell’elaborare questo atto si sarebbe dovuto tenere conto del fatto che la zona interessata risulta essere ad alta densità demografica”.

 

 

 

Il quartiere Pilastro, infatti, è uno dei quartieri più popolosi della città. “Benissimo gli interventi alla viabilità e ben vengano i divieti di sosta per consentire ai mezzi di soccorso e della nettezza urbana di svolgere al meglio il proprio lavoro – prosegue Ciambella - ma se diventa tutto un divieto di sosta, ad eccezione di uno stallo personalizzato per disabili, i cittadini giustamente si chiedono: dove potremo parcheggiare?”. 
Effettivamente, nel testo dell’ordinanza emessa da Palazzo dei Priori, non vi è alcun accenno agli stalli per le auto, ossia ai parcheggi. “Cosa ne pensano l’assessore e il sindaco?”, si domanda la consigliera, che poi conclude: “Ho già presentato una interrogazione, ma al momento non ho ancora ricevuto risposta. Io posso pure attendere, i cittadini però meriterebbero maggiore attenzione”. 

 


 

E’ bene ricordare, infine, che già lo scorso 31 ottobre il “Comitato Tutela Pilastro” aveva chiesto un tavolo di confronto al Prefetto Giovanni Bruno per studiare un piano che potesse limitare le chiusure nella zona. Che si sappia, però, non si è ancora mossa una foglia. Insomma i residenti continuano ad avere problemi soprattutto per trovare un posto dove parcheggiare l’auto e non fare chilometri a piedi per arrivare a casa.