Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, lite tra assessori per lo sportello animali. Urla in piazza tra Barbieri, De Carolis e Allegrini

Massimiliano Conti 
  • a
  • a
  • a

Lo sportello per gli animali non si addice al prestigio del nascituro museo sotto i portici destinato alle tavole di Sebastiano del Piombo - la cui inaugurazione è prevista prima di Natale - e quindi deve sloggiare dal cortile di Palazzo dei Priori. La richiesta avanzata dall’assessore alla cultura Marco De Carolis e dal caposervizio Lucia Giordano ha fatto uscire letteralmente dai gangheri il titolare dei servizi demografici Paolo Barbieri. Le urla del quale ieri mattina sono risuonate in piazza del Plebiscito richiamando l’attenzione e la curiosità dei passanti. L’episodio la dice lunga sul clima da perenne resa dei conti che si respira nella maggioranza. 

 

A indispettire ancora di più Barbieri, secondo i bene informati, sarebbe stata la presenza in loco ieri mattina, della vicesindaca nonché assessora ai lavori pubblici Laura Allegrini, impegnata in un sopralluogo insieme a De Carolis e ai funzionari della Soprintendenza, i quali dovranno dare il parere definitivo sullo spostamento nella nuova sede dei capolavori di Sebastiano attualmente esposti nel museo civico di piazza Crispi. Non è un mistero che tra Barbieri (Fondazione) e la Allegrini (Fratelli d’Italia) non corra buon sangue, soprattutto da quando, con l’ultimo rimpasto di giunta, la seconda ha sfilato al primo la delega al patrimonio. Pare tuttavia che la vicesindaca ieri mattina sia rimasta piuttosto defilata, mentre a far perdere la trebisonda a Barbieri sarebbe stata la Giordano, accusata dall’assessore di mettere bocca su vicende che non la riguardano. L’assessore, che è un convinto animalista, non ha mandato giù la richiesta di spostare l’ufficio degli animali e anche l’Urp. 
Interpellato dal Corriere, Barbieri glissa sulla lite ma chiarisce: “Non so se qualcuno immagina forse asini e galline che pascolano per il cortile di Palazzo dei Priori in attesa di essere ricevuti dall’addetto, ma posso assicurare che lo sportello animali, istituito anni fa dalla giunta Marini, si occupa di lotta al randagismo e di assistenza agli animali ricevendo segnalazioni da cittadini. Non capisco in che modo possa ledere il prestigio del museo. Peraltro l’addetto a questo sportello dalla scorsa settimana segue part-time anche l’Urp, dal momento che l’impiegata che gestiva quest’ultimo non è attualmente in servizio”. 

 

Barbieri ricorda anche di aver proposto, come nuova sede dello sportello animali e dell’Urp, uno dei tre locali comunali di via Cavour una volta occupati da botteghe artigiane, oggi liberi e anche difficili da affittare (i bandi per assegnarli sono andati deserti): “Mi è stato detto di no perché a quanto pare – conclude l’assessore – c’è chi per quel locale ha altre mire”.