Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Viterbo, rave party di Valentano. Tre giovani molisani "avvisati" dal questore di Campobasso

  • a
  • a
  • a

Tre giovani che hanno partecipato all'ormai noto rave di Ferragosto al lago di Mezzano a Valentano (Viterbo), sono stati identificati in Molise e "avvisati" dal Questore di Campobasso. Nell’ambito della costante attività di prevenzione e repressione dei reati, volta a garantire l’ordine e la sicurezza pubblica, il Questore Conticchio ha emesso la misura di prevenzione dell’Avviso Orale a carico di tre giovani residenti nella provincia di Campobasso.

 

I provvedimenti, emessi dopo un’accurata attività istruttoria condotta dalla Divisione Anticrimine, sono scaturiti a seguito di un’approfondita attività info investigativa posta in essere da personale della Digos, finalizzata alla prevenzione di attività delittuose collegate alla partecipazione a “Rave Party”, eventi pericolosi per l’ordine e la sicurezza pubblica anche in considerazione dell’attuale situazione pandemica. I tre giovani, gravati da diversi precedenti penali e di polizia per condotte offensive all’ordine e la sicurezza pubblica, si sono inoltre evidenziati per la loro partecipazione al noto evento svoltosi la scorsa estate in territorio del Comune di Valentano. "Per l’elevata propensione a delinquere dei tre e la totale insensibilità ai precetti di legge, il Questore di Campobasso ha ritenuto necessaria l’emissione delle misura di prevenzione in argomento che, laddove non sufficiente a far desistere i predetti da eventuali future condotte illecite, rappresenterà il presupposto per l’applicazione di una misura più afflittiva", si legge in una nota della Questura di Campobasso.

 

Il rave di Valentano, che è è andato in scena nelle proprietà di Piero Camilli vicino al lago di Mezzano intorno a Ferragosto, continua a far parlare. La notte tra il 13 e 14 agosto migliaia di ragazzi, arrivati perlopiù in camper dal Nord Italia invasero il vasto campo e sono rimasti a ballare per sei lunghi giorni. Nel mezzo c'è stata la morte del giovane Gianluca Santiago annegato nel lago. Il rave è diventato un caso politico con le opposizioni che hanno criticato a lungo la gestione dell'ordine pubblico costringendo il ministro degli Interni Luciana Lamorgese a riferire in parlamento.