Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo Covid, focolaio dopo festa di compleanno a Orte: 52 positivi

Sergio Nasetti
  • a
  • a
  • a

Orte (Viterbo), il boom di contagi da Covid-19 registrati in questi giorni in città pare proprio abbia avuto origine, nella maggior parte dei casi, da una festa di compleanno tra compagni di scuola. Alle 12 di ieri, giovedì 4 novembre, secondo i dati forniti dall’Asl di Viterbo, gli attualmente positivi sul territorio comunale erano 49. Numeri alti che stanno facendo preoccupare sia la cittadinanza che le autorità. Tanto più che fino al 9 ottobre non c’era un positivo a Orte; tra il 9 e il 16 ottobre erano stati registrati 2 casi, poi c’è stata la festa di compleanno e i contagiati sono balzati a 54 (i due precedenti più 52 nuovi), dei quali 5 nel frattemposi sono negativizzati, portando il numero attuale appunto a 49.

 

Attualmente sono più di 100 i ragazzi in quarantena delle cinque classi interessate dell’Omnicomprensivo (elementari, medie e superiori). Di conseguenza anche le famiglie dei ragazzi sono costrette alla quarantena. Si tratta quindi di diverse centinaia di persone in isolamento. Negli istituti viene rispettato in maniera rigorosa il protocollo Covid e viene monitorato il numero delle assenze nelle varie classi.
Le autorità stanno intervenendo in maniera decisa. Oggi il Toc Scuola della Asl presso il Palatevere effettuerà test e tamponi a tappeto sugli alunni delle elementari dai 6 ai 11 anni. 
Mentre domani, 6 novembre, sempre nella struttura di via del Campo sportivo, sarà allestito un punto vaccinale straordinario attivo per tutta la giornata dalle ore 9 alle 16.

 


 

Il vaccino contro il Sars-Cov 2 utilizzato sarà il Pfizer e saranno disponibili prime e terze dosi. La vaccinazione sarà aperta a tutta la popolazione avente diritto e sarà inoltre garantita sempre a Orte, a chi effettuerà in questa occasione la prima vaccinazione, la seconda dose. Rinviata anche la manifestazione sportiva per ragazzi “Sport in piazza” in programma sabato prossimo nel centro storico. L’annuncio è arrivato direttamente dall’assessore allo Sport Filippo Gianfermo: “Seppur con enorme rammarico, abbiamo ritenuto opportuno e prudenziale adottare misure di precauzione e cautela. Assicuriamo che il tracciamento dei contagi e la nostra vigilanza sulla situazione proseguiranno quotidianamente, esortiamo a non abbassare mai la guardia e a rispettare le normative attualmente in vigore per limitare la circolazione del virus”.
Il sindaco Primieri, in base agli sviluppi della situazione pandemica valuterà, di concerto con l’autorità sanitaria competente, le misure da adottare per la tutela della salute pubblica. “Siamo abbastanza preoccupati - afferma - Stiamo pensando alla chiusura delle scuole e alle attività sportive che vi ruotano intorno e ad evitare tutti gli assembramenti sul territorio e tutto ciò che può essere utile per far tornare la situazione alla normalità”.