Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Viterbo, torna la sosta selvaggia in centro storico

Massimiliano Conti
  • a
  • a
  • a

E’ ricominciata la sosta selvaggia in centro storico, tornano le proteste e il sindaco Arena ora pensa di uniformare gli orari della ztl nelle zone dentro le mura. Su Facebook, e in particolare sulla pagina di Viterbo centro storico chiuso, da giorni stanno facendo di nuovo capolino foto che immortalano le auto parcheggiate in divieto di sosta nelle piazze centrali: da quella delle Erbe a quella del Gesù. Nelle ore serali ma non solo. “In questi ultimi mesi - scrive Valerio Giulianelli - Viterbo è diventata nuovamente un caos con auto ovunque: piazza del Gesù è di nuovo piena, via Marconi non ne parliamo. Con piazza del Comune interdetta dalle fioriere, ora si parcheggia a via Roma. In piazza del Teatro si parcheggia in tripla fila. Ognuno fa quello che vuole e nessuno controlla: i vigili dove sono?”.

Arena se la prende con il malcostume dei viterbesi, da sempre abituati a lasciare l’auto dove capita e a prenderla anche per fare pochi metri. Non per niente nelle annuali classifiche sul tasso di vetture per abitanti la città dei papi si piazza sempre in vetta. Ma sotto accusa finisce anche un certo lassismo da parte della polizia locale. “C’è chi dice che i vigili multano poco e c’è chi invece dice che multano troppo - dice il sindaco -. Io posso solo dire che in queste ultime settimane la polizia locale ha fatto portare via dal carro attrezzi decine e decine di auto in sosta vietata”. Auto parcheggiate alla meglio, o alla peggio, ovunque. Anche sui marciapiedi: “L’inciviltà di certi automobilisti - continua il primo cittadino - crea grosse difficoltà anche allo sfalcio dell’erba e alla pulizia dei marciapiedi. Spesso capita che i mezzi degli operatori dell’igiene urbana non riescano a passare perché intralciati dalle macchine”. La sosta selvaggia in piazza delle Erbe e nelle altre zone della movida, in particolare nelle ore serali del fine settimana, appare come una piaga pressoché inestirpabile. L’ultima amministrazione che era riuscita a debellarla è stata quella guidata da Gabbianelli, all’inizio del secolo.

Da allora tutti gli annunci su pugni duri e giri di vite sono rimasti lettera morta. Il sindaco, come detto, sta valutando ora la possibilità di estendere gli orari più restrittivi della ztl dei quartieri medievali, San Lorenzo e San Pellegrino, anche al resto del centro storico. Per la cronaca, la zona di San Lorenzo, dal lunedì al venerdì, è interdetta al traffico dalle 19 alle 6 di mattina. Nel weekend si entra invece solo dalle 6 alle 10.30 di mattina. Un orario che potrebbe quindi essere esteso anche alle altre zone. Sempre per la cronaca, il principale parcheggio a pagamento della città, quello del Sacrario – lo fa notare ancora il sindaco Arena – nel fine settimana è strapieno. Perlomeno, dopo il lungo periodo di magra dovuto ai lockdown, Francigena ha ricominciato a incassare.