Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Autostrada, incidente tra Magliano e Orte. Un morto e un ferito grave trasportato al Gemelli. Chi è la vittima

  • a
  • a
  • a

Autostrada, sta tornando lentamente alla normalità la viabilità sull'A1 nel tratto da Orte a Magliano Sabina in direzione Roma dove nel primo pomeriggio di giovedì 28 ottobre si è verificato un grave incidente che è costato la vita a un uomo calabrese di 56 anni. Il bilancio dell'incidente, che ha visto coinvolto un solo mezzo, è pesante: 1 morto, 1 ferito grave e altre 6 persone ferite in maniera lieve. Viaggiavano tutti su un furgoncino ed erano diretti in Calabria, in provincia di Crotone. Infatti le 8 persone che erano sul furgoncino abitavano tutti nello stesso paese. Per cause che sono ancora da accertare il pulmino si è ribaltato a un chilometro circa dal casello di Magliano Sabina poco prima dell'area di sosta Sabina. Probabilmente il conducente ha perso il controllo del mezzo per lo scoppio di un pneumatico.

 

Uno degli occupanti è morto sul colpo, di tratta di L. V. 56 anni della provincia di Crotone. Quando sono arrivati i soccorsi per lui non c'era più nulla da fare. Un altro dei lavoratori che erano nel pulmino è rimasto ferito gravemente: per tirarlo fuori dalle lamiere c'è stato bisogno dell'intervento dei vigili del fuoco del distaccamento di Civita Castellana. Una volta liberato è stato affidato alle cure dei sanitari che ne hanno disposto il trasferimento in eliambulanza, in codice rosso, al policlinico Gemelli di Roma. Durante le operazioni l'uomo era comunque cosciente. Gli altrio occupanti, seppur contusi, sono stati soccorsi sul posto. Le operazioni per liberare la sede stradale dai mezzi e dai detriti sono andate avanti per diverso tempo perché il mezzo perdeva carburante, gasolio, e i vigili del fuoco hanno dovuto metterlo in sicurezza prima della rimozione.

 

 

In direzione Roma si è formata una lunga coda che ha raggiunto quasi i 12 chilometri. Solo a metà pomeriggio il traffico ha ricominciato a scorrere. Per diverse ore la situazione è stata critica con traffico intenso anche sulle strade secondarie come la Flaminia e la strada 150.