Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Viterbo, comandano le donne. Giunte in rosa a Montefiascone e Acquapendente

  • a
  • a
  • a

Si insediano le nuove amministrazioni comunali. Oggi tocca, in particolare, ai Comuni più grandi: Vetralla, Montefiascone e Orte. In tutti e tre i casi, per la scelta degli assessori, sono servite lunghe trattative, come dimostrano le tre settimane di tempo perso per mettere in piedi equilibri rispettosi di tutte le forze politiche. A Vetralla (il Consiglio è convocato per oggi pomeriggio alle 16) addirittura ieri sera non era stato ancora sciolto il nodo sul nome della seconda donna in giunta: per il sindaco Sandrino Aquilani dovrebbe essere Elisabetta Raggi, per il senatore Umberto Fusco il posto dovrebbe invece andare alla coordinatrice locale della Lega, Michela Cascioli. Una cosa è certa: mai come quest’anno le cosiddette “quote rosa” avevano avuto tanto spazio. 

 

A Vetralla, indipendentemente dalla scelta finale, saranno in due, dal momento che la cultura è stato già deciso di darla a Daniela Venanzi. Gli altri assessori saranno Giovanni Gidari della Lega (ambiente), Giulio Zelli di FdI (servizi sociali e patrimonio) e Dario Bacocco di FI (lavori pubblici). 

 

 

A Montefiascone (vedi altro servizio a pagina 26) le donne al comando saranno addirittura quattro: la sindaca Giulia De Santis (Pd), la vice sindaca Rosita Cicoria (M5S-Patto civico) a cui andrà anche il bilancio, Giulia Moscetti (Patto civico) ai servizi sociali e Giulia Sgiuga (Pd) al turismo. Inoltre, ci sarà Carla Mancini (moderati) alla presidenza del Consiglio. Gli uomini sono solo due: Luciano Cimarello del Pd all’urbanistica e Angelo Merlo (transfuga della Lega), che si occuperà di lago di Bolsena e cimitero. Il Consiglio comunale è stato convocato per stamattina alle 10. Tre rappresentanti femminili a Orte (Consiglio comunale stasera alle 20.30): il sindaco Dino Primieri di Idee chiare ha infatti scelto come sua vice Antonella Claudiani del Pd, alla quale andranno anche lavori pubblici, personale e innovazione digitale. Poi, Roberta Savoia a urbanistica e ambiente e Ida Mariastella Fuselli a patrimonio, servizi sociali e sviluppo economico. Unico uomo, oltre al sindaco, Filippo Gianfermo a cultura, turismo e sport. Primieri ha comunque assegnato deleghe a tutti i consiglieri di maggioranza: Sergio Peciarolo ad agricoltura, gestione e coordinamento associazioni; Walter Liberti a pubblica istruzione e attività produttive; Loredana Bobboni a sanità e grandi eventi; Alessandra Marzoli a politiche giovanili e politiche multiculturali. Ieri sera ancora dubbi su chi eleggere presidente dell’assemblea: il favorito sarebbe Sergio Peciarolo. Vice sindaca donna anche per la sindaca Alessandra Terrosi di Acquapendente: si tratta di Monica Putano, neanche trent’anni, a cui sono state assegnate le deleghe a cultura e turismo. Ci saranno poi Mauro Bellavita ad attività produttive, sport, protezione civile e rapporti con Talete; Glauco Clementucci all’ambiente; mentre Marcella Giuliani si occuperà di centri storici, barriere architettoniche, viabilità e mobilità. Ad Acquapendente il Consiglio si è svolto mercoledì.