Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, green pass. Farmacie assediate dalle richieste di tamponi

Beatrice Masci
  • a
  • a
  • a

Mentre in molte piazze italiane si svolge il rito della protesta dei no vax, e ora anche dei no green pass, all’esterno delle farmacie che effettuano i tamponi rapidi si formano lunghe file per poter ottenere la carta verde, necessaria, dal 15 ottobre, per poter accedere al posto di lavoro. Visto che oltre l’80% degli italiani ha effettuato almeno la prima vaccinazione, il restante 20%, che fino all’ultimo ha sperato che l’obbligo non entrasse in vigore, ora è costretto a correre ai ripari. Pena: restare senza stipendio, visto che senza carta verde al lavoro non si entra.

A Viterbo sono quattro le farmacie che effettuano tamponi veloci e rilasciano il green pass: Filoscia, Terracina, Rossi e Caprio&Rossi. “Noi - fanno sapere questi ultimi - facciamo almeno 30 tamponi al giorno. Di fatto le richieste sono quadruplicate dalla vigilia dell’entrata in vigore dell’obbligo del green pass. C’è un dottore che si occupa solo di tamponi, mentre gli altri, oltre al lavoro normale per una farmacia, rispondono al telefono e prendono nota degli appuntamenti. In fila ci sono persone di ogni categoria professionale, tra cui maestre, molte, personale dell’esercito e delle forze dell’ordine”. Alla farmacia del Pilastro si limitano a dire: “La richiesta di tamponi è aumentata molto, li facciamo sia la mattina che il pomeriggio, per cui, scusi, ma abbiamo molto lavoro e dobbiamo lasciare libero il telefono”. Le linee telefoniche, infatti, sono in azione perenne per rispondere alle richieste. Alla farmacia Riccardi, dove non si effettuano tamponi rapidi, si è ripreso, invece, il lavoro sul fronte del vaccino: “Fino a luglio facevamo i vaccini mono-dose, poi, con l’uscita di scena di Johnson & Johnson, abbiamo rallentano, ma era anche il periodo di chiusura per ferie. Da inizio ottobre effettuiamo la doppia vaccinazione e le richieste sono triplicate”. Questo vuol dire che chi ha resistito al vaccino, ora corre a prenotarlo, ma, nel frattempo, visto che per ottenere il green pass tramite vaccino occorre attendere 14 giorni dopo la prima somministrazione, in attesa della carta verde permanente, si opta per quella valida 48 ore e ottenibile solo con il tampone.

 

 

Alla farmacia Filoscia, spiega il dottore, “arriviamo, in media, ad effettuare oltre 30 tamponi al giorno. Quando le persone telefonano per richiederlo, avanzano le motivazioni più disparate: lavoro, ma anche il figlio che deva andare al compleanno dell’amichetto e deve fare il tampone, oppure la visita a un parente in ospedale, un viaggio, ma soprattutto, in questi giorni, in cima alle motivazioni c’è il lavoro”. Tante le richieste anche alla farmacia Polidori di Vallerano: “Facciamo tantissimi tamponi, molti anche a persone che arrivano da Viterbo e da tutta la provincia. Riceviamo telefonate tutti i giorni per richieste di appuntamento”.