Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Viterbo, coltellate alla compagna. A processo pensionato di Capranica

Valeria Terranova
  • a
  • a
  • a

Riprenderà a dicembre il processo a carico del pensionato, 62enne, che a fine gennaio di quest’anno fu arrestato con l’accusa di tentato omicidio per aver accoltellato più volte la compagna, una 53enne straniera, nell’abitazione in cui convivevano a Capranica. La vittima, che si è costituita parte civile nel procedimento con l’avvocato Ernestina Portelli, racconterà quegli attimi terribili durante l’udienza successiva, prevista dopo le ferie natalizie, nel corso della quale verranno ascoltati anche i testimoni presenti nella lista dei difensori dell’uomo, gli avvocati Federica Ambrogi e Amedeo Centrone.

 

Erano le 16.30 del 29 gennaio scorso, quando i vicini di casa della coppia udirono delle grida di aiuto provenienti dall’appartamento a fianco e allarmati decisero di chiamare i carabinieri, i quali una volta arrivati sul posto trovarono la donna, che malgrado fosse sanguinante per le coltellate ricevute alla schiena e all’addome era riuscita a fuggire in strada. I militari poco dopo scovarono l’uomo nell’appartamento anche lui ferito, ma in modo lieve e il coltello da cucina ancora imbrattato di sangue con cui furono scagliati i fendenti. Sopraggiunti anche i soccorsi, i due furono trasferiti in due ospedali diversi: lei al Belcolle, ricoverata in condizioni gravi, ma non critiche, e l’imputato a Tarquinia, piantonato dai carabinieri. In serata, il quadro della situazione apparve più chiaro agli investigatori, i quali riuscirono ad acquisire le testimonianze dei vicini e della donna.

 

Quella che, infatti, all’inizio sembrava essere una lite degenerata in un accoltellamento, si tramutò presto in tentato omicidio. Stando alle ricostruzioni degli inquirenti, l’uomo si sarebbe tagliato lievemente in maniera volontaria per depistare le indagini. Il reale intento dell’uomo, secondo le ipotesi accusatorie, sarebbe stato quello di uccidere la compagna mentre lei cercava di scappare. Il dibattimento che si sta celebrando davanti al collegio presieduto dal giudice Elisabetta Massini proseguirà il 22 dicembre.