Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Viterbo, acquista salumi con assegni falsi a Cellere. A processo agente siciliano

  • a
  • a
  • a

Adescò i titolari di un salumificio di Cellere acquistando dei prodotti con assegni rubati. Si tratta di un uomo, di origini siciliane, che si spacciò per agente di commercio che adesso deve rispondere di truffa ai danni dei due fratelli proprietari di uno stabilimento per la lavorazione a livello industriale di carni insaccate della provincia. In aula martedì 28 settembre è stato ascoltato uno dei carabinieri che prese parte alle investigazioni.

 

“L’imputato è stato identificato solo in un secondo momento, in quanto i due fratelli non avevano mai incontrato di persona – ha riferito il militare-. Lo conobbero su Facebook e successivamente ebbero solo dei contatti telefonici. Quando le parti offese si rivolsero a noi, riuscimmo a risalire all’identità dell’uomo tramite il numero di cellulare che ci fornirono. Dopo aver effettuato delle verifiche arrivammo poi a riscontrare l’effettiva titolarità dell’utenza telefonica. In seguito, tramite le analisi svolte sugli assegni e sulle aziende che l’imputato aveva procurato ai due fratelli, circa la fornitura degli alimenti, decidemmo di estendere le indagini, fino a scoprire che in realtà queste aziende non esistevano. Dunque, le imprese che avrebbero dovuto commercializzare i prodotti del salumificio erano fittizie.

 

"Più tardi - ha continuato - riuscimmo ad accumulare informazioni significative sul soggetto che ci consentirono di inquadrarlo. L’imputato era che un falso piazzista, al quale erano stati contestati reati per truffa messi in atto con assegni fasulli. Adottò infatti la stessa metodologia con i titolari del salumificio. Tant’è che dagli accertamenti eseguiti sui titoli bancari, inviati ai due fratelli con corriere espresso, infatti, emerse che uno dei due assegni da 2500 euro risultava già essere stato denunciato come smarrito dall’effettivo proprietario, un palermitano, ed era stato rimesso di nuovo in circolazione con dati falsi”. La prossima udienza è stata fissata il 14 gennaio del 2022.