Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Viterbo, omicidio-suicidio. Lutto cittadino a Castel Sant'Elia per i funerali di Anna Cupelloni

  • a
  • a
  • a

Come era stato anticipato nei giorni scorsi ci saranno funerali separati per Anna Cupelloni e il marito Ciriaco Pigliaru che sabato scorso l'ha uccisa prima di suicidarsi. L'addio alla donna di 57 anni è programmato per questo pomeriggio nella Basilica di Sant'Elia a Castel Sant0elia. Le esequie sono programmate alle 15 di sabato 2 ottobre. La famiglia ha chiesto di non inviare fiori ma opere di bene. La salma sarà poi trasportata a Viterbo, nel cimitero di San Lazzaro, per la cremazione. I funerali di Ciriaco Pigliaru, 65 anni, si celebreranno in forma laica lunedì mattina alle 10 presso il cimitero di castel Sant'Elia.

 

Questo pomeriggio due comunità - quelle di Castel Sant'Elia e di Nepi (paese di origine di Anna Cupelloni e dove la famiglia gestiva attività commerciali) - si stringeranno al dolore delle figlie Valentina e Valeria, quest'ultima testimone di sangue dell'omicidio-suicidio avvenuto nella serata di sabato in un casale in località Pianavella dove abita una delle figlie. Una tragedia che ha sconvolto due comunità. La signora Anna viene descritta da chi la conosceva come una persona estremamente mite. Il marito come un uomo autoritario che voleva avere sempre il controllo di tutto, specie quando si parlava di questioni economiche. La donna aveva deciso di interrompere il matrimonio a giugno andando a vivere in un'altra casa. L'uomo di origini sarde, ex pastore, non lo aveva accettato. e sarebbe questo il movente anche se alla base del piano dell'uomo ci sarebbero anche delle questioni di carattere economico.

 

 

Un'azione premeditata. Ormai non ci sono più dubbi. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri della Compagnia di Civita Castellana sabato sera, poco prima di andare nel casale per uccidere la moglie, l'uomo è riuscito a impossessarsi con l'inganno del fucile di un conoscente, un artigiano della zona. lo ha attirato in una sua proprietà chiedendo aiuto per allontanare dei cinghiali. Poi ha chiuso l'uomo in una cantina ed ha preso l'arma con la quale poi è andato nel casale a Pianavella. L'artigiano è riuscito a uscire dalla stanza, dando l'allarme, solo qualche ora più tardi. Ma Pigliaru aveva già fatto fuoco contro la moglie e poi si era ucciso.