Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, via libera al ponte sul Tevere a Orte. Orizzonte Comune: "Merito di Giuliani"

Sergio Nasetti
  • a
  • a
  • a

Orte, il ponte sul fiume Tevere a collegamento tra la stazione ferroviarie e il casello della A1 e la E45 è stato inserito fra gli interventi che la Regione Lazio farà su Viterbo e la Tuscia con i fondi del Pnrr e la programmazione regionale 2021-2028. Esultano gli esponenti della lista Orizzonte Comune dell'ex sindaco Angelo Giuliani. Fu lui infatti ad avviare il progetto per la realizzazione di questa infrastruttura. 

 


 

“Anche questo sogno è diventato realtà. Dopo la fermata del Frecciarossa a Orte, un altro successo dell'Amministrazione Giuliani”,  dicono da Orizzonte Comune. “Si tratta di una nuova infrastruttura strategica per la mobilità e la logistica a beneficio di tutto il Centro Italia, oltre a restituire ad Orte - ha dichiarato Giuliani - il suo ruolo fondamentale di centro strategico nazionale”. Giuliani nel 2020 aveva inviato a Draghi, Mattarella, Zingaretti e alla Von der Leyen il progetto da inserire negli interventi del Recovery Plan per la realizzazione di un nuovo tracciato viario di collegamento dal parcheggio della stazione ferroviaria alla superstrada Orte-Civitavecchia e il casello dell’ Autosole. 

 


L’opera, inserita in un piano complessivo di interventi di oltre 7 miliardi di euro di investimenti, costituirebbe una nuova arteria viaria a beneficio dell’intera viabilità del Centro Italia, contribuendo a una dislocazione efficiente ed efficace di tutta l’utenza del viterbese, del reatino e dell’Umbria, nonché della direttrice proveniente da Civitavecchia con la superstrada, che attraverso l’infrastruttura potrà muovere in direzione della Capitale, oppure proseguire lungo la rete autostradale, abbattendo i tempi di transizione urbana e decongestionando le arterie attualmente esistenti. L’intervento, potenzialmente intercetta almeno tre dei sette obiettivi delineati dalla Commissione Europea, atteso che con lo stesso viene delineato un nuovo sviluppo tecnologico in materia di trasporti, viene effettuata una nuova promozione dell’energia pulita attraverso l’incentivo all’uso del mezzo ferroviario, nonché costituisce un motore di sviluppo dell’efficienza energetica.