Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Viterbo, si ammala di Covid dopo aver rifiutato vaccino per mesi: è grave

R. V. 
  • a
  • a
  • a

Rifiuta per mesi di vaccinarsi per paura, poi si lascia convincere e prende appuntamento per questo mese, ma il Covid arriva prima. La donna, una commerciante 50enne di Civita Castellana, è in gravissime condizioni all’ospedale di Casalpalocco, dove è stata ricoverata in terapia intensiva poco meno di un mese fa. Nei giorni scorsi è stata sottoposta a una delicato intervento di tracheotomia. Sembra che il virus le sia stato trasmesso dalla figlia al ritorno dalle vacanze. 

La disavventura comincia i primi di agosto, quando la ragazza, avvertendo alcuni sintomi riconducibili all’infezione, si sottopone a tampone e risulta positiva. Non accusa problemi gravi. Dopo qualche giorno tocca alla mamma: tosse, qualche linea di febbre, subito il tampone e quindi il verdetto di positività. La donna, dopo i primi giorni di malessere generale, intorno al 20 agosto peggiora vistosamente e ha gravi difficoltà respiratorie. Si rende necessario il ricovero urgente. Le viene quindi indotto il coma farmacologico con il trasferimento in terapia intensiva. Viene intubata e le sue condizioni appaiono disperate, secondo i medici ci sono poche probabilità di speranza. Ma tra alti e bassi si passa poi dalla disperazione alla speranza. Per fortuna infatti, grazie alla bravura dello staff sanitario, lentamente la situazione si stabilizza, le viene praticata la trachetomia e il cammino verso la guarigione sembra ormai intrapreso. Da qualche giorno riesce a respirare autonomamente e a scambiare qualche parola. Viene alimentata ancora con i liquidi, ma il peggio sembra essere superato.

 

Una storia che, se ce ne fosse bisogno, sembra confermare ancora una volta l’importanza del vaccino come unica soluzione per l’uscita dal tunnel. Intanto ieri nella Tuscia sono stati accertati altri 17 casi (4 a Farnese, 3 a Civita Castellana, 2 a Nepi e Vignanello, 1 a Marta, Montalto di Castro, Oriolo Romano, Ronciglione, Viterbo e Vitorchiano). Tutti stanno trascorrendo la convalescenza nel proprio domicilio. Sempre ieri è stata comunicata la fine del periodo di isolamento o la negativizzazione di 18 pazienti. Al momento, ci sono 4 persone ricoverate presso una struttura extra Asl e altre 4 a Belcolle, 460 stanno invece trascorrendo la convalescenza nel proprio domicilio.