Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Viterbo, elezioni comunali a Orte. Dionisi sfida gli altri candidati: "Confronto all'americana"

Sergio Nasetti
  • a
  • a
  • a

La campagna elettorale è entrata nel vivo e ad Orte ogni candidato gioca la sua partita per raccogliere consensi. Tutti i candidati alla carica di sindaco tentano di acquisire visibilità e più o meno i mezzi sono quelli.  Il candidato sindaco Massimo Dionisi della lista “Si Può”, per la prima volta nella storia del Comune di Orte lancia una sfida ai suoi competitor, a cui chiede un confronto pubblico tra tutti gli aspiranti sindaci, con domande non concordate da parte di un giornalista terzo

 

 

L’iniziativa, prima inviata a tutte le liste Uniamo Orte (Dino Primieri), Orizzonte Comune (Angelo Giuliani) e Noi con Orte futura (Giuseppe Fraticelli), è stata poi rilanciata sui social. “Riteniamo sia condizione necessaria fornire alla cittadinanza la possibilità e il diritto di confrontare idee e programmi dei candidati, sulle proposte che solo un confronto rende possibile”, si legge nella lettera pubblicata sui social -. Laddove ormai la dialettica politica ha raggiunto dei livelli minimi dove tutti i candidati hanno una buona capacità di linguaggio, chissà che un confronto all’americana non sia invece la vera novità della tornata elettorale”.  “In buona sostanza - viene spiegato nella missiva di Si può -, le domande verteranno su temi quali: salute, sicurezza, ambiente, territorio, visione di Orte per i prossimi venti anni e saranno articolate in tre domande alternate e libere fatte dal un/una giornalista alle quale il candidato di turno dovrà rispondere, agli altri tre spetterà la replica con tanto di tempo massimo di risposta. Tre domande a candidato. In chiusura ogni candidato sindaco potrà fare un intervento della durata massimo di cinque minuti senza replica da parte degli altri colleghi. Ora resta solo da capire se gli altri candidati accetteranno il confronto ‘o preferiranno seminare ognuno nel proprio orticello di consensi”. 

 

Per ora, si è espressa solo la lista ”Noi con Orte futura con Fraticelli Sindaco”, mostrando interesse all’iniziativa ma con la condizione che partecipino anche gli altri sindaci.  “Normalmente chi accetta il confronto dovrebbe avere in animo la volontà di convincere pubblicamente l’elettorato senza aver paura di domande non concordate e magari anche scomode, ma forse – concludono dalla lista Si Può -, anche questa campagna elettorale sarà centrata su discutibili promesse”.