Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Federica Friggi e Alessandra Terrosi, sfida in rosa ad Acquapendente

  • a
  • a
  • a

Ad Aquapendente sarà una sfida tutta al femminile. A concorrere alla carica di sindaco sono infatti Federica Friggi e Alessandra Terrosi. La prima si presenta alla guida della lista “Insieme per cambiare”, mentre la seconda è a capo della lista “Immagina Aquesio”. E’ la stessa Federica Friggi a spiegare i motivi che l’hanno indotta a scendere in campo: “Ho riflettuto molto a lungo prima di accettare una proposta che mi è venuta da più parti, ho cercato di considerare i pro e i contro di tale scelta e di valutare tutte le numerose variabili. Sono figlia di una assistente sociale, da cui ho ereditato l’amore e il rispetto per il prossimo, e di un ingegnere, da cui mi derivano capacità di organizzazione e determinazione. Amo lo sport e prediligo da sempre gli sport di squadra, in particolare la pallavolo che ho praticato sino a qualche anno fa a livello amatoriale rivestendo il ruolo di capitano. Il mio ideale di sindaco, se sarò eletta, è di essere il sindaco di tutti, disponibile all’ascolto, sempre alla ricerca del dialogo e del confronto, determinata a compiere scelte condivise e perseguire il bene comune”. Sul fronte opposto Alessandra Terrosi, candidata sindaco per la lista “Immagina Aquesio”, punta sulla conoscenza del territorio, sull’esperienza e sulla forza delle idee per guidare la cittadina dell’Alta Tuscia nel futuro. Turismo e cultura saranno tra i capisaldi del programma elettorale. “L’idea è quella di lavorare a monte per creare un brand unico per la promozione di Acquapendente e le sue frazioni - spiega Terrosi - attraverso una generale riqualificazione dei tre centri storici in modo da offrire al visitatore un paese accogliente e moderno oltre che dare impulso all'economia”. Non solo turismo, però: “In una realtà di confine, sede di un ospedale, è necessità imprescindibile garantire un’assistenza sanitaria in grado di erogare servizi di prossimità tempestivi ed efficaci, a maggior ragione in tempi di pandemia".