Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Viterbo, incendio vicino alle case. Fiamme spinte dal vento, paura in Strada Bagni | Foto | Video

Beatrice Masci
  • a
  • a
  • a

Caldo, vento e fitta vegetazione: un mix micidiale che ieri pomeriggio, per diverse ore, ha fatto temere a molte persone di dover lasciare l’abitazione a causa di un incendio scoppiato in strada Bagni.  Le fiamme sono partite dal ciglio della strada ma ben presto, sospinte dal vento, hanno aggredito il costone sul lato destro della strada in località Poggio Giudio.  Sul posto sono intervenute tre squadre di vigili del fuoco con due mezzi pesanti e la polizia municipale che all’inizio, prima che le fiamme si spostassero verso la vegetazione, ha regolamentato il traffico. La strada, tuttavia, non è mai stata bloccata. Pericolo, invece, per diverse ville e abitazioni dislocate nell’area. 

La zona impervia ha costretto i vigili del fuoco a transitare all’interno di un bed & breakfast per poter accedere nell’area a rischio, posta sopra il fronte del fuoco.  Le fiamme si sono poi propagate nella valle superiore al costone, all’interno della proprietà privata della famiglia Delle Monache.  A rallentare il lavoro dei pompieri e dei volontari è stato, come detto, soprattutto il vento, tanto che ad un certo punto il fronte del fuoco si è diretto verso Porta Faul.  La preoccupazione principale dei pompieri è stata chiaramente quella di salvaguardare le abitazioni, in alcuni punti con le fiamme pericolosamente vicine ai giardini e alle aree private. 

 

L’intervento è andato avanti per tutto il pomeriggio e solo verso le 18 le fiamme sono state definitivamente domate, lasciando il campo alle operazioni di bonifica.  Sospinto dal vento, il fuoco si era avvicinato alla necropoli, un sito etrusco risalente al IV secolo a.C. Nella zona sono state rinvenute, nel corso di diverse campagne di scavi, 20 sepolture e due tombe, alle quali si poteva accedere fino a sei anni fa.  Il sito, insieme a Norchia e Castel d’Asso, rappresenta una delle maggiori testimonianze archeologiche della Tuscia. Le fiamme per fortuna non hanno intaccato le tombe. Insieme ai vigili del fuoco di Viterbo e alla municipale, sul posto per regolare la viabilità, sono intervenuti anche alcuni volontari dell’associazione nazionale dei carabinieri.