Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Viterbo, crisi in Comune. Salta un altro vertice: ora è scontro sull'urbanistica

Esplora:

Massimiliano Conti
  • a
  • a
  • a

Fine crisi mai. Richiederà i tempi supplementari, e forse anche i rigori, se non direttamente le urne, la partita di Palazzo dei Priori, che il sindaco Arena pensava e sperava di chiudere entro la giornata di oggi con la proclamazione della nuova giunta. Ieri ennesima giornata a vuoto: l’incontro previsto per la mattinata è saltato per l'indisponibilità dei capigruppo di Forza Italia Giulio Marini e della Lega Andrea Micci. Il primo pare sia addirittura fuori città, e quindi probabilmente le forze politiche torneranno a vedersi la prossima settimana per tentare di risolvere un puzzle sempre più complicato. Le distanze tra i partiti, anziché ridursi, si vanno allargando ogni giorno che passa, complici anche le esternazioni e le interviste che i singoli esponenti politici, l’ultima l’ex assessora di Fratelli d’Italia Laura Allegrini, rilasciano ai giornali. 

 

Tra meloniani e leghisti, in particolare, è in corso sotto traccia - perché di richieste ufficiali non ce ne sono – sull’urbanistica. I primi vorrebbero mettere le mani sull’assessorato oggi in capo al vicesindaco salviniano Claudio Ubertini. In ballo, come noto, c’è una torta da quasi 50 milioni di euro di finanziamenti: i 17 del bando delle periferie, i 30 della qualità dell'abitare, a cui si aggiungono i due per la riqualificazione di Bagnaia. Da parte sua, il senatore Umberto Fusco, dominus della Lega nella Tuscia, è sempre più spazientito: “Siamo disposti a cedere la carica di vicesindaco a Fratelli d’Italia, perché la staffetta era nei patti, ma nient’altro. L’urbanistica se la possono scordare”. Così come i meloniani possono scordarsi, secondo il senatore, che la Lega sacrifichi l’assessore al bilancio Alessandro Alessandrini per cedere una posizione in più all’alleato. Perché questa sarebbe l’altra possibile soluzione. FdI vuole a tutti i costi tre posizioni, in virtù dei sei consiglieri comunali da poco riconquistati, insieme ai lavori pubblici delle frazioni che Arena intende sfilare al forzista Elpidio Micci.

 

Una delega pesante come quella all’urbanistica, d'altra parte, vale come un assessorato e potrebbe bastare a saziare gli appetiti dei meloniani. Ma mai e poi mai la Lega, come chiarito da Fusco, è disposta a mollarla. “Sono stanco di questo teatrino – sbotta i l senatore -. Abbiamo una città pieni di problemi, un territorio da governare, e qui si pensa solo alle poltrone. La carica di vicesindaco l'avevamo già messa a disposizione quando si è trattato di sostituire Contardo, ma da parte delle altre forze politiche ci è stato risposto che l'assetto della giunta andava bene così. Io non intendo più contrattare con questo o con quell'altro: sta al sindaco fare la sua proposta. La faccia perché di tempo ne abbiamo già perso molto e i viterbesi ci aspettano al varco. Sono senza parole”.