Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Viterbo, morta nel campo vicino Livorno. Forse era reduce dal rave di Valentano

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Un cadavere di una donna, non ancora identificata, ritrovato in Toscana e il possibile collegamento con il rave che si è svolto intorno a Ferragosto al lago di Mezzano a Valentano (Viterbo) e durante il quale è morto il giovane Gianluca Santiago, inglese di origini italiane che abitava a Reggio Emilia, annegato nelle acque del lago. Durante i giorni caldi del rave si era parlato per ore e ore di un secondo morto. Tuttavia la notizia era stata smentita dalle autorità. Ora a rilanciare i sospetti su una possibile seconda vittima è il Corriere della Sera (leggi) qui che in un servizio da Livorno dà conto del ritrovamento, sabato 21 agosto, due giorni dopo lo sgombero dell'area di Valentano, del cadavere di una donna in un campo a Sud di Livorno. Nello specifico all'interno di una fattoria.  tra Campiglia e San Vincenzo.

 

Il corpo era in avanzato stato di decomposizione, indossava una maglietta e un paio di pantaloncini e apparentemente non aveva segni di violenze. Non appartiene, almeno così si ritiene sino ad oggi, a nessuna persona scomparsa, si legge nel servizio del Corriere della Sera. Il corpo è stato quasi sicuramente portato lì e coperto con un telo azzurro. Tra le ipotesi che stanno avanzando gli investigatori - si legge nella corrispondenza - c'è anche quella che  la donna morta possa aver partecipato al rave party di Valentano e poi deceduta per l'abuso di farmaci e droghe. Sarà l'autopsia, oltre che gli esami tossicologici, a fare luce. Per adesso i carabinieri hanno acquisito anche i filmati delle telecamere che sono intorno al campo dove è stato ritrovato il corpo.

 

 

Insomma un'altra ombra sul rave di Valentano come se non bastasse l'inchiesta aperta dalla Procura di Viterbo sulla morte per annegamento di Gianluca Santiago e i furti e i danneggiamenti lamentati dal proprietario dell'area di Valentano Piero Camilli.