Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Viterbo, rave illegale: sgombero quasi ultimato. Sventato nuovo raduno al lago di Bolsena, identificate 2.000 persone

  • a
  • a
  • a

Rave illegale al lago di Mezzano, quasi ultimato lo sgombero dei partecipanti. Nella notte la stragrande maggioranza dei giovani, in larga parte stranieri, ha lasciato la zona perlopiù verso la Toscana. La polizia ha sventato un nuovo raduno nella zona di Campi di Bisenzio sul lago di Bolsena allontanando diversi mezzi che avevano iniziato ad accamparsi nella mattinata di giovedì 19 agosto.

 

"Nelle ore notturne è stato verificato un notevole afflusso in uscita di mezzi provenienti dal raduno musicale tenutosi nel terreno in località Lago di Mezzano. Nei varchi di uscita viterbesi presidiati i partecipanti all'evento sono stati identificati. Nelle prime ore del mattino le Forze dell'Ordine si sono avvicinate al sito del raduno verificando una ridotta presenza in loco; le persone rimaste vengono identificate ed invitate ad allontanarsi. Al momento permangono un centinaio di mezzi e circa 250 persone. La pressante attività di mediazione in corso fin dall'inizio dell'evento, unita ad un monitoraggio incessante delle zone di accesso al sito, ha consentito un allontanamento controllato dei partecipanti all'iniziativa. Non si sono registrate finora particolari criticità inerenti all'ordine e alla sicurezza pubblica", si legge in una nota della Questura di Viterbo.

 

Inoltre - prosegue la nota - con il contributo della Polizia Stradale, è in atto anche il controllo delle strade adiacenti al sito dell’evento per verificare la presenza di eventuali mezzi provenienti dal raduno. Ciò ha consentito di intervenire immediatamente in località “Campi di Bisenzio” sulle rive del lago di Bolsena dove si erano radunati un centinaio tra camper e autovetture con a bordo oltre 300 persone, che sono state allontanate. L’area dove si è svolto il rave party risulta sostanzialmente liberata, rimangono solo pochi veicoli, due dei quali lasciati abbandonati e gli altri non marcianti, che saranno rimossi con l’ausilio di carro attrezzi.  I servizi di monitoraggio e controllo dei mezzi provenienti dal raduno hanno consentito di fermare e sequestrare a carico di due cittadini olandesi un furgone con rimorchio contenente materiale acustico e gruppi elettrogeni, mentre un secondo sequestro è in atto nei confronti di due italiani che sono stati bloccati a bordo del proprio mezzo pesante contenente materiale acustico, dopo aver tentato di forzare il posto di controllo a uno dei varchi di uscita.  Vengono monitorate, oltre alle zone limitrofe all’area del raduno, anche tutte le strade a lunga percorrenza e le autostrade per verificare eventuali transiti di autoveicoli provenienti dalla festa musicale.