Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Viterbo, "basta con i rifiuti da Roma". I sindaci scendono in piazza

  • a
  • a
  • a

L’appuntamento è fissato per stamattina, lunedì 2 agosto, alle 9 davanti ai cancelli della discarica di Monterazzano. A darlo ai colleghi di tutta la provincia è stato il sindaco, Giovanni Arena. Che, travolto in casa dalle critiche per l’immobilismo sin qui mostrato dal Comune sulle ordinanze di Zingaretti, vuole mandare un segnale alla Regione e soprattutto all’opinione pubblica: basta rifiuti di Roma a Viterbo. Si tratterà di una manifestazione più che altro simbolica. Primo, perché l’ordinanza del presidente della Regione scade alla mezzanotte di oggi, per cui sarebbe stato più logico presidiare gli ingressi di Monterazzano nella giornata di domani qualora, come tutti temono, l’ordinanza dovesse essere prorogata. E secondo perché, come puntano il dito dall’interno della stessa maggioranza FdI e Fondazione, le battaglie non si combattono con le piazzate, ma con gli atti amministrativi. Finora infatti non risulta che il Comune di Viterbo abbia dato mandato ai propri legali di opporsi davvero alle decisioni che vengono prese a Roma. Ma tant’è. Arena si presenterà con la fascia tricolore accompagnato dai vigili urbani: “Verificheremo - dice - la provenienza dei camion in arrivo”. Ieri ha fatto personalmente un giro di telefonate a vari altri primi cittadini per invitarli ad unirsi alla protesta: “Non so con precisione - afferma - quanti aderiranno. Ma almeno una trentina dovrebbero esserci. Sia di centrodestra che di centrosinistra”.

 

Sicuramente, da quanto è dato sapere, non mancheranno i primi cittadini di Ischia di Castro, Piero Camilli; Montalto, Sergio Caci; e Valentano, Stefano Bigiotti. Per quanto riguarda quelli di centrosinistra si sa invece che sempre ieri si sono rincorse varie telefonate con il consigliere regionale, Enrico Panunzi, per valutare il da farsi. Il risultato di tutte queste consultazioni lo vedremo oggi. 

 

Dal punto di vista politico, al di là della legittimità e se vogliamo anche della bontà dell’iniziativa, è chiaro il tentativo di Forza Italia di uscire dall’angolo dopo le pesanti critiche rivolte all’amministrazione da una parte della minoranza (Luisa Ciambella del Pd), ma anche è soprattutto da vari ambienti della maggioranza (vedi Santucci) durante l’ultimo Consiglio comunale. Critiche che affondano le radici sull’alleanza che gli azzurri hanno con il Pd panunziano (col quale governano la Provincia, dove l’assessore all’ambiente è Giulio Marini) in virtù della quale finora non è stato considerato opportuno contrastare le ordinanze di Zingaretti con ricorsi davanti al Tar. Oltretutto, dal 26 luglio stanno arrivando a Viterbo 80 tonnellate al giorno di rifiuti da Roma e 200 da Latina e Frosinone. Ammesso che quelli capitolini, dirottati ad Albano, cessino da domani, in Comune sanno tutti che quelli del Basso lazio toccherà invece continuare a riceverli almeno per tutta l’estate.