Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, reddito di cittadinanza. I carabinieri di Civita Castellana scoprono altri sette furbetti

  • a
  • a
  • a

Cosa non si fa pur di ottenere il reddito di cittadinanza. D’altra parte, con la penna in mano, al momento della compilazione della domanda per il sussidio tutto è possibile: far apparire una residenza diversa da quella reale, omettere un lavoro, ricostruire con la fantasia il nucleo familiare o dimenticarsi che il convivente lavora, papà prende la pensione oppure che gestisci un’attività intestata ad altri. Gli ultimi sette furbetti del reddito di cittadinanza sono stati scoperti ieri dai carabinieri tra Civita Castellana (2), Nepi (2), Vasanello (2) e Faleria (1).

 

Sette persone che avrebbero beneficiato indebitamente di 65.452 euro. Erogazione sospesa nell’istante in cui sono scattate le denunce dei militari. A finire nei guai a Civita, riportano i carabinieri, “un 59enne e una 57enne di Gallese, per aver falsamente attestato la residenza in altro comune e non aver comunicato rapporti di lavoro subordinato. A Nepi denunciata una filippina di 66 anni e un algerino di 54 per aver attestato falsamente la composizione del nucleo familiare e non aver comunicato il lavoro del convivente. A Vasanello denunciati un 46enne di Soriano e un 55enne, per aver falsamente attestato la composizione del nucleo familiare e per essere entrambi, di fatto, gestori di attività commerciale risultante ad altri intestata. Infine a Faleria denunciata una 36enne per aver omesso di comunicare che all’interno del suo nucleo il padre percepisce la pensione”.

 

Solo qualche giorno fa a Montefiascone, sempre i carabinieri, avevano scoperto altri quattro furbetti, in quel caso tutti stranieri, che avevano dichiarato falsamente di essere residenti in Italia da oltre 10 anni proprio per incassare il sussidio. Continuano i controlli dei carabinieri che, proprio alla presenza capillare nel territorio, sono in grado di verificare meglio la corrispondenza tra ciò che si dichiara nelle domande presentate all'Inps e quale è invece il reale status delle persone.