Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Lazio, zona gialla. Torna il fantasma delle restrizioni: incidenza a 87,5 casi

  • a
  • a
  • a

Torna il fantasma della zona gialla nel Lazio. Nella Regione è stato superato il tasso di incidenza di 50 casi settimanali oggi 100 mila abitanti, tuttavia i posti occupati negli ospedali e soprattutto nelle terapie intensive sono ancora sotto la soglia stabilita dal governo per far scattare le restrizioni e dunque si rimane in zona bianca. Ma se i numeri continueranno a crescere al ritmo degli ultimi giorni il Lazio rischia di cambiare colore entro fine agosto. Secondo i dati forniti da il Corriere della Sera ne nel Lazio si registra un’incidenza 87,5 casi ogni 100 mila abitanti, ricoveri nei reparti al 4% e 3,7 % in terapie intensiva. L’indice Rt “è in aumento: valore 2”. Ad annunciarlo era stato già giovedì l'assessore regionale alla sanità Alessio D'Amato. Tuttavia lo stesso assessore al termine della videoconferenza con i direttori delle Asl del Lazio ha allontanato la zona gialla: “Restano stabili i tassi di occupazione in Area medica e Terapia intensiva, lontani da soglie di rischio, non assistiamo a criticità sulla rete ospedaliera”. Il Lazio - ha continuato - è la “prima Regione in Italia ad essere in linea con le indicazioni del Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, relativamente alla soglia del 70% di adulti con iter vaccinale completato entro fine luglio”.

 

 

Ieri su 11 mila tamponi e oltre 19 mila antigenici si sono registrati 845 nuovi positivi (+65 rispetto al giorno precedente) e 4 morti, i ricoverati sono 290 (+17), le terapie intensive sono 44 (+5) i guariti sono 211. Il rapporto tra positivi e tamponi è al 7,9%. A Viterbo ieri si sono registrati altri 12 nuovi casi: 2 a Tuscania, 2 a Viterbo 1 a Bolsena, 1 a Civita Castellana, 1 a Gradoli, 1 a Montefiascone, 1 a Nepi, 1 a Orte, 1 a Vetralla, 1 a Vignanello. I positivi sono ora 261, 4 dei quali ricoverati. A Rieti invece ieri si sono registrati 20 nuovi casi a Rieti (4), Antrodoco (1), Cittaducale (1), Collevecchio (1), Fara in Sabina (2), Magliano Sabina (7), Pescorocchiano (1), Stimigliano (1) e Toffia (2). 

 

A Magliano preoccupa il focolaio legato a una comitiva di giovani che sono tornati da una vacanza sulla riviera romagnola. Sono 11 in due giorni i contagiati, molte persone tra familiari e contatti, sono in quarantena. Il sindaco Giulio Falcetta ha rassicurato: “E’ stato possibile prendere le dovute precauzioni grazie al comportamento dei ragazzi e delle famiglie che hanno immediatamente comunicato le prime avvisaglie, ciò ha permesso alla Asl di avviare immediatamente il protocollo di prevenzione”.