Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo Covid, 132 contagi da inizio settimana. C'è anche una bambina di 7 anni

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Ben 53 nuovi casi di coronavirus in 24 ore. Nella Tuscia i numeri della pandemia tornano quelli dello scorso inverno, quando però c’erano molte meno persone vaccinate. Non c’è ancora un allarme, ma l’attenzione si è decisamente alzata. Da lunedì a ieri i nuovi casi sono stati 132. Nello stesso periodo, sette giorni prima, erano 32. Dunque più di quattro volte con un aumento del 312%. Il numero dei positivi in provincia risale a 177, solo un a persona tuttavia ha manifestato sintomi che hanno richiesto il ricovero in una struttura fuori provincia.
A far schizzare in alto il numero dei contagi è il mix tra giovani, vacanze e varianti. La metà dei nuovi casi riscontrati negli ultimi giorni riguarda giovani nati dopo il 1990. Under 30, insomma, che hanno generato una serie di catene familiari.

Infatti dei 53 casi scoperti ieri circa l’85% è collegato a casi già noti. Tra loro c’è anche una bambina di 7 anni. I nuovi casi sono così distribuiti sul territorio: 13 a Viterbo, 7 a Caprarola, 5 a Bassano Romano, 4 a Ronciglione, 4 a Tuscania, 3 a Capranica, 3 a Civita Castellana, 3 a Marta, 2 a Fabrica di Roma, 1 a Carbognano, 1 a Graffignano, 1 a Nepi, 1 a Oriolo Romano, 1 a Orte, 1 a Piansano, 1 a Sutri, 1 a Vasanello, 1 a Vitorchiano. Di casi di ieri Dei casi odierni: 41 presentano un link epidemiologico con casi precedentemente accertati e già isolati, 12 sono collegati a persone che hanno dichiarato di essere sintomatiche al drive in. Tutti stanno trascorrendo la convalescenza nel proprio domicilio.

 


La Asl sta facendo di tutto per tenere sotto controllo la catena dei contagi e per ora appare riuscirci. Si stanno studiando a fondo gli ultimi contagi. Secondo i primi accertamenti la stragrande maggioranza degli ultimi infettati non era vaccinata o aveva una sola dose. Una spinta in più a vaccinarsi, oltre quella del green pass. Per quanto riguarda le varianti in attesa delle analisi la Asl dà di fatto per scontato che si tratti di inglese e delta e si muove di conseguenza. “Ormai diamo per scontata la prevalenza di queste varianti”. Solo tra venerdì e ieri mattina i tamponi effettuati sono stati 389.