Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Viterbo, fitofarmaci. Ordinanza che limita l'utilizzo di pesticidi a Nepi, il Tar nega la sospensiva chiesta da Assofrutti

  • a
  • a
  • a

Ordinanza per limitare l’utilizzo di fitofarmaci, il Comune vince il primo round al Tar. I giudici amministrativi della seconda sezione B di Roma hanno infatti respinto la richiesta di sospensiva cautelare che era stata avanzata dall’associazione Assofrutti.

 

A darne notizia è stato il sindaco Franco Vita che ha pubblicato un post su Facebook. “E’ un risultato importante per il Comune di Nepi. Ringrazio tutti i Comuni, in particolare quelli del Biodistretto e del presidente Famiano Crucianelli, le associazioni di agricoltori, le persone singole che mi hanno sostenuto in questo tentativo di far comprendere a tutti, agricoltori compresi, che la salute delle persone e la difesa del territorio stanno prima di ogni guadagno”. Il primo cittadino è pronto ad aprire un momento di confronto con il mondo agricolo: “Nei prossimi giorni convocheremo le associazioni degli agricoltori per concordare insieme a loro sistemi di coltivazioni rispettosi dell’ambiente, della salute delle persone ed anche la loro , e infine della salubrità dei territori”.

 

Il primo verdetto del Tar è stato accolto con piacere anche dall’assessore regionale alla Transizione Ecologica Roberta Lombardi: “Un’ottima notizia che getta un seme prezioso per il processo di riconversione ecologica dell’agricoltura nel Lazio e che potrà essere di buon esempio per tutti i Comuni e gli enti locali della nostra regione e dell’Italia, a beneficio di ambiente, salute, biodiversità, qualità delle filiere agricole e di tutti quei consumatori che avranno maggiori possibilità di scegliere i prodotti made in Lazio coltivati con pratiche ecosostenbili”. “E’ ormai risaputo - conclude . che l’agricoltura è uno dei settori chiave per il processo di transizione ecologica, non solo per le emissioni inquinanti legate al suo comparto, in primis la zootecnia, ma anche per l’uso di pesticidi”.

 


P. D. B.