Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Viterbo, il bollettino di venerdì 16 luglio. Tre nuovi casi e un guarito

  • a
  • a
  • a

Tre nuovi casi di Covid sono stati comunicati, entro le ore 11, dalla sezione di Genetica molecolare di Belcolle al Team operativo coronavirus della Asl di Viterbo. Gli ultimi referti di positività sono collegati a tamponi eseguiti su cittadini residenti o domiciliati nei seguenti comuni: 2 a Vitorchiano, 1 a Monte Romano. Dei casi odierni: 1 presenta un link epidemiologico con casi precedentemente accertati e già isolati, 1 è collegato a persone che hanno dichiarato di essere sintomatiche al drive in, 1 è collegato ad un tampone effettuato per accesso ad una struttura ospedaliera. Tutti stanno trascorrendo la convalescenza nel proprio domicilio. Il Team prosegue, anche in queste ore, a mettere in campo tutte le misure di prevenzione e di protezione, al fine di contenere la diffusione del virus, irrobustendo la catena dei contatti stretti, con la preziosa collaborazione delle Amministrazioni comunali.

In totale, alle ore 11 di questa mattina, i casi di positività al Covid-19, residenti o domiciliati nella Tuscia, salgono a 15573. Oggi è stata comunicata ai soggetti istituzionalmente competenti la fine del periodo di isolamento o la negativizzazione dal Covid-19 di 1 paziente residente nel comune di Monterosi. Al momento, delle 38 persone refertate positive al Coronavirus, tutte stanno trascorrendo la convalescenza nel proprio domicilio. Resta a 15081 il numero delle persone negativizzate, 454 sono le persone decedute. Dall’inizio dell’emergenza Covid, nella provincia di Viterbo sono stati effettuati 176705 tamponi, 315 nelle ultime 24 ore. Ad oggi i cittadini che hanno concluso il periodo di isolamento domiciliare fiduciario sono 21444.

Intanto nel porto di Civitavecchia sono state «avviate le vaccinazioni» anti- Covid "ai marittimi a bordo delle navi. E' la prima volta nel Mediterraneo". Lo sottolinea l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato, presente all’avvio dell’operazione. "E' la prima volta che vengono fatte le vaccinazioni direttamente a bordo - rimarca - Il Servizio sanitario nazionale ancora una volta si mostra all’avanguardia e così come un anno fa fummo i primi in Europa a fare i tamponi direttamente in aeroporto a Fiumicino, oggi siamo i primi a vaccinare direttamente sulle navi. Tutto ciò per mettere in sicurezza gli operatori marittimi e far ripartire l’economia e il turismo".