Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Viterbo, furti nelle abitazioni. I cittadini di Sipicciano si organizzano con le ronde

Alessio De Parri
  • a
  • a
  • a

Allarme furti a Sipicciano, dove dilagano paura e psicosi tra gli abitanti. Nell’ultima settimana, infatti, i ladri hanno visitato dieci abitazioni, di mattina e di notte, anche mentre i proprietari dormivano. I furti sono stati messi a segno in vari punti della frazione di Graffignano, 1.200 anime: dalla Calandruzza alla contrada Ontaneto, da località Canala a via Montecalvello fino al Poggio del Castagno. Rubati soldi, gioielli, bracciali e catenine d’oro, ma lì dove non hanno trovato beni preziosi i ladri si sono “accontentati” addirittura di tute, piumoni, cuscini e caciotte. Furti anche sventati, come nel caso di un residente che dopo essere andato a cena da un amico, nel rincasare ha trovato un uomo appostato dietro una siepe, fuggito all’istante.

Nei giorni scorsi, inoltre, è stato forzato anche il cantiere della scuola elementare “Dante Alighieri” - dove sono in corso lavori di rifacimento - e rubati gli attrezzi degli operai, come avvitatori e trapani. La frazione è in allerta e nonostante siano stati predisposti maggiori controlli da parte dei carabinieri e della polizia locale c’è già chi ha dato vita a ronde notturne. Domenica scorsa, tanto per capire il clima che si respira nella frazione, i sipiccianesi, dopo essersi ritrovati ai giardinetti per festeggiare la vittoria dell’Italia nell’Europeo, si sono affrettati a tornare a casa, impauriti dalla possibilità che qualche malintenzionato potesse entrare nelle loro abitazioni. “Invito i cittadini a collaborare con le forze dell’ordine e ad avere fiducia nel loro operato - è l’appello rivolto dal sindaco di Graffignano, Piero Rossi - ma per il resto sono assolutamente contrario alle ronde. Non è la popolazione che deve fare servizio di sicurezza, anche perché così si mette in pericolo la propria incolumità”.

Il Comune ha anche pubblicato un post sulla pagina Facebook in cui è stato chiesto ai sipiccianesi di segnalare movimenti sospetti di auto o individui per agevolare le indagini dei carabinieri. C’è chi ha risposto all’invito chiedendo l’installazione di un sistema di videosorveglianza: “Le telecamere saranno installate nelle prossime settimane - rivela il sindaco -, cinque a Sipicciano e altrettante a Graffignano. Infatti abbiamo deciso di anticipare i fondi che non ci sono stati ancora concessi dalla Regione, pur essendo in graduatoria da diversi mesi. Per il resto - conclude Rossi - invito ancora una volta i cittadini a collaborare, solo così potremo aiutare gli investigatori a scoprire i responsabili”.