Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Viterbo, ladri minacciano donna con una spranga. Paura al cimitero di San Martino al Cimino

Valeria Terranova
  • a
  • a
  • a

Tentarono di scassinare un’auto nel parcheggio del cimitero di San Martino al Cimino e minacciarono con una spranga di ferro la proprietaria e il custode. Si tratta di due giovani imputati che l’11 gennaio del 2019 vennero sorpresi dal guardiano che diede subito l’allarme. “Quella mattina ero arrivata da qualche minuto al cimitero quando il custode mi corse incontro avvertendomi che in due stavano cercando di aprire la portiera della mia Nissan Micra posteggiata nell’area di sosta antistante – ha raccontato ieri, mercoledì 30 giugno, in aula la parte offesa-. Così insieme ci precipitammo all’entrata e vidi due ragazzi abbastanza robusti, accucciati davanti allo sportello lato passeggero. Ho avuto difficoltà a inquadrarli perché non avevo con me gli occhiali da vista, ma quando mi sentirono urlare ‘cosa state facendo’ si alzarono e andarono verso una macchina, simile a una station wagon grigia, poco distante dalla mia, da cui tirarono fuori una spranga con cui si avvicinarono a noi gridando e minacciandoci. Pensavo che ci avrebbero potuto ammazzare".

Poi la signora ha continuato: "A quel punto impaurita scappai inoltrandomi di nuovo nel cimitero ma ero preoccupata per il custode che era rimasto fuori e per l’agitazione ero convinta di aver chiamato i carabinieri, ma in realtà contattai la polizia che arrivò in pochi minuti, ma nel frattempo i due si erano dileguati. Quando sporsi denuncia non riuscì a riconoscerli nelle foto che mi furono mostrate, ma suppongo fossero interessati al marsupio di mio marito, di cui non mi ero accorta, ma che era rimasto sul sedile posteriore dalla sera prima”.

In seguito è stato sentito un poliziotto che con un collega di pattuglia intervenne sul posto. “ I soggetti corrispondevano alla descrizione acquisita da coloro i quali furono ascoltati in fase di sommarie informazioni in quanto avevano avvistato lo stesso veicolo e i due ragazzi nel corso della mattinata”. Il dibattimento riprenderà il 23 marzo.