Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, pacco bomba a Tarquinia inviato a dirigente comunale. Fermato un sospettato

  • a
  • a
  • a

Dopo appena 24 il caso sembra risolto. Gli agenti della Digos di Viterbo e quelli del commissariato di Tarquinia stanno risolvendo il caso legato alle minacce di morte e al pacco con dell'esplosivo inviato nella serata di mercoledì 23 giugno a una dirigente comunale. Nella serata di giovedì 24 giugno è stato fermato un uomo che abita in un manufatto abusivo a San Giorgio e gestisce un banco di frutta ambulante. L'abitazione dell'uomo è stata perquisita ed è stato portato in commissariato per l'interrogatorio. All’interno della scatola è stato trovato un ordigno rudimentale, formato da una bottiglia una miccia e della polvere da sparo. Non c’era l’innesco, per cui non poteva esplodere, ma avrebbe comunque potuto incendiarsi. Un avvertimento, dunque, esplicitato da una lettera contenente minacce di morte nei suoi confronti e nei confronti dei suoi familiari. Sul fatto indagano la Digos e il Commissariato di Tarquinia.

Per la polizia potrebbe essere l'autore o uno degli autori dell'atto intimidatorio ai danni della dirigente comunale che, come si ricorderà, rientrando a casa dopocena mercoledì aveva trovato vicino alla porta un pacco con della polvere da sparo e una lettera minatoria con delle minacce di morte. Il tutto sarebbe legato all'attività della dirigente che negli ultimi mesi si è occupata delle ordinanze di demolizione dei manufatti abusivi presenti ormai da anni a San Giorgio e le confische dei terreni. 

 

Una delle ipotesi sulle quali, con estremo riserbo, sta lavorando la Digis è proprio quella della vendetta. A più di qualcuno non sarebbe andata giù la decisione con la quale la coraggiosa dirigente h portato avanti l'operazione per ripristinare la legalità nella zona di San Giorgio. La procedura è ormai collaudata: arriva l’ordinanza di demolizione, se il destinatario non esegue, provvede il Comune che poi manda il conto al proprietario: 20 mila euro. E’ in questo ambito che si indaga, essendo la persona minacciata a capo del settore urbanistico.